scarica l'app
MENU
Chiudi
25/06/2019

Scandalo Sacal, rinviatia giudizio manager, politicie imprenditori

Gazzetta del Sud

L' inchiesta su presunti illeciti contestatia ex amministratori della società che gestisce gli scali calabresi
Il Gup lametino ha prosciolto due imputati perché il fatto non sussiste Oggi il processo per tre indagati che hanno scelto il rito abbreviato
Luigina Pileggi LAMEZIA TERME Quindici rinviia giudizioe due proscioglimenti. Il Gup lametino Rossella Prignaniha lettoieri pomeriggiola sentenza emessa nei confronti degli indagati nell'inchiesta" Eumenidi", l'operazione che due anni fa ha fatto luce su presunti illeciti nella gestione della Sacal, la società che gestiscei tre aeroporti calabresi. Corruzione, peculato, abuso d'ufficio, falso in atto pubblico, millantato credito: questii reati contestatia vario titoloa manager, politici, rappresentanti delle istituzionie imprenditori, all'esito delle indagini condotte dalla Procura della Repubblica lametina, guidata da Salvatore Curcio, per presunti illeciti nella gestione dell' azienda partecipata, sostenutaa capitale pubblicoe pr ivat o. Il prossimo 24 settembre dovranno presentarsi davanti al Tribunale di Lamezia, in composizione collegiale, l'ex presidente della Sacal Massimo Colosimo; l'ex direttore generale Pierluigi Mancuso; l'ex responsabile dell'ufficio legale Ester Michienzi; l'ex presidente della Provincia di Catanzaro Enzo Bruno;i componenti del consiglio di amministrazione l' imprenditore Floriano Noto; Bruno Vincenzo Scalzo all' epoca assessore del consiglio comunale di Conflentie dipendente Enav; Giampaolo Bevilacqua ex vice presidente della Sacal; Giuseppe Mancini dirigente della Regione; Floriano Siniscalco funzionario della Provincia di Catanzaro; Sabrina Mileto responsabile dell'area personale della Sacal; Angelina Astorino referente del Centro per l'impiego di Lameziae Marcello Mendicino carabiniere; Pasquale Clericò che in passato ha rivestito incarichi dirigenziali della Sacal; Pasquale Torquatoe Giuseppe Vincenzo Mancuso. Il Gup ha inoltre pronunciato la sentenza di non luogoa procedere nei confronti di due indagati,i catanzares, Ferdinando Saraccoe Luigi Silipo, perchè il fatto non sussiste. Relativamentea questi due capi risultavano concorrenti anche Ester Michienzie Pasquale Clericò, peri quali, per questi reati, non si procederà. Presenti perla parte civilel'avvocato Michele Cerminara per la Sacal, l'avvocato Caterina Restuccia per il Comunee l'avvocato Giovanni Gioffrè per la Regione Calabria. Oggi invece riprenderà il processo per gli imputati che hanno deciso di essere giudicati con il rito abbreviato: l' ex sindaco di Lamezia Paolo Mascaro, il dipendente della Sacal Francesco Buffonee per l'imprenditore catanzarese Giuseppe Gatto. Infine, stralciata per un difetto di notifica la posizione di Emanuele Ionà, per il quale si attende la fissazione di una nuova udienza preliminare. Secondo la Procura, molte condotte illecite ascritte agli indagati riguardano l'irregolare gestione del progetto" Garanzia giovani", finanziato con fondi pubblici, finalizzatoa inserire in un tirocinio retribuito, alla Sacal, solo persone «meritevoli, rispondentia precisi requisiti». Le indagini, condotte dalla Guardia di finanzae dalla Polizia di frontiera, avrebbero dimostrato che, in ragione di «pressioni indebite di ogni tipo», anche perpetrate da politici localie dirigenti pubblici, sarebbero stati selezionati soltanto amicie pareri degli indagati, attraverso interventi artificiosi sulle procedure di selezione previste dal bando pubblico. Sarebbero inoltre emersi ulteriori episodi illeciti relativi all'affidamento di consulenze" fant asma" per decine di migliaia di euroe ad artefatte selezione di personale per incarichi interni vari, tutti «lautamente retribuiti con soldi pubblici».

Foto: Massimo Colosimo


Foto: Pierluigi Mancuso


Foto: Ester Michienzi


Foto: Pasquale Clericò


Foto: Floriano Noto


Foto: Gianpaolo Bevilacqua


Foto: Floriano Siniscalco


Foto: Enzo Bruno


Foto: Il prossimo 24 settembre le persone coinvolte dovranno comparire davanti al Tribunale di Lamezia Terme