MENU
Chiudi
13/01/2019

«Santa Teresa è pubblica Il bando per scuola vela è la scelta migliore »

Il Secolo XIX

Il sindaco di Lerici, Paoletti, spiega la scelta di liquidare la societ à nata con Camera di Comercio, Assonautica e Confindustria L'INTERVISTA
tutto molto chiaro, per chi vuol capire. Santa Teresa
Sondra Coggio / LERICI appartiene alla comunit à . È pubblica. Si andr à a bando, come previsto, nel 2020, e chiunque potr à partecipare. Solo che il nuovo bando comprender à anche gli investimenti per ampliare la scuola di vela alla batteria storica. Per far questo non ser ve più una societ à anni '90, che ha esaurito da tempo il suo ruolo » . Il sindaco Leonardo Paoletti risponde cos ì a chi lo critica per la scelta di liquidare la societ à nata all'epoca del sindaco Giorgio Tedoldi, con Camera di Commercio, Assonautica e Confindustria: « Allora aveva uno scopo, oggi no. Io rispondo solo dell'interesse pubblico » . Gli ex soci l'hanno presa male. « Non capisco perch é . La societ à ha avuto un senso negli anni '90. Ora non più. Santa Teresa è dei cittadini, le sovrastrutture non ser vono » . Minacciano cause « E perch é ? La societ à aveva duemila euro di utili l'anno. Cosa perdono la Camera di Commercio e Assonautica, e Confindustria? Perch é volevano restarci a tutti i costi? Se faranno causa, lo spiegheremo ai giudici » . L'attuale gestore, l'imprenditore Ugo Vanelo, dice che non moller à . « Non moller à cosa? Santa Teresa non è sua. Ha vinto un bando da tre anni. Gli abbiamo accordato anche i tre anni successivi. Non pu ò lamentare alcun danno. Gli abbiamo concesso tutto. Non capisco cosa altro possa pretendere » . Contesta la liquidazione della societ à . « A quale titolo? È un gestore temporaneo di un bene pubblico. Il liquidatore proceder à nel rispetto della durata della scadenza naturale. Rispetteremo il contratto che sarebbe finito comunque » . Vanelo giudica sbagliata la liquidazione della societ à . « Ripeto: a che titolo? La sua attivit à non è collegata all'esistenza della societ à . I limiti temporali del bando sono stati pienamente rispettati. È stato accontentato in tutto. E se oggi la scuola di vela è gestita da personale capace,è anche perch é abbiamo preteso controlli serrati » . A cosa si riferisce? « Alla deriva iniziale. A quando Vanelo promuoveva la scuola come un hotel, su Booking. Ricordo solo che avevamo avviato la decadenza della concessione » . Dopo, per ò , le cose sono cambiate. « Ma solo perch é il Comune ha vigilato e ha preteso il rispetto della concessione. Altrimenti avremmo avuto un resort. Il direttore della base, peraltro, è quello del precedente gestore, la scuola di Caprera. È stato chiamato solo quando abbiamo contestato l'omessa rispondenza ai criteri di gestione » . Ora per ò la scuola va bene. « Va come avrebbe dovuto essere da subito. E lo è grazie al fatto che siamo stati l'unico socio che ha vigilato. Gli altri non hanno mai detto niente » . Parla di accanimento. « Vanelo sta ancora godendo appieno degli accordi. Nessuno lo manda via. Se poi per sua scelta decider à di uscire prima è un problema suo » . Che tipo di bando sar à , il prossimo? « Più impegnativo. Stiamo acquisendo nuovi spazi. Vogliamo recuperare la batteria storica. Il nuovo gestore dovr à impegnarsi a investire anche su questa parte » . Che tipo di scuola avete in mente? « Sempre finalizzata agli scopi sportivi e sociali, ma con più spazio. Il nuovo bando è essenziale per il progetto. Dovremo garantire alla Soprintendenza di essere impegnati a rispettare il piano di valorizzazione » . Senza nuovo bando salterebbe l'accordo? « S ì . Il nuovo bando era comunque nelle cose. È diventato fondamentale, per consentire al Comune di acquisire i beni demaniali » . Non potevate farlo attraverso la societ à ? « Perch é avremmo dovuto tenere viva una societ à che non ser ve più? » . - c BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore