scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
24/03/2021

Sanificazioni all’Asl “Il servizio affidato con troppo ribasso”

La Stampa - MARCELLO GIORDANI

La Cisl dichiara lo stato d'agitazione del settore Il sindacato teme tagli sul costo del lavoro IL CASO
NOVARA La Cisl contesta l'assegnazione al ribasso della gara per le pulizie e la sanificazione degli ospedali delle province di Novara, Vco e Biella, dà il via allo stato di agitazione e invia la segnalazione in Procura. Al centro della contestazione è la gara d'appalto bandita da Scr Piemonte (la società di committenza della Regione) che il 14 dicembre del 2020 ha assegnato il lotto 5 delle pulizie (che comprende Ospedale Maggiore di Novara, Asl No, Asl Vc, Asl Vco e Asl Bi) alla società Markas Srl: un'attribuzione su cui interviene la Cisl di Novara che ritiene eccessivo il ribasso proposto dall'impresa vincitrice. L'appalto è triennale, a partire dal prossimo primo luglio, e ha un valore di 75.722.481 euro. «Markas ha vinto la gara presentando un ribasso del 30,12%. Ora ci chiediamo - dice il responsabile Cisl Mattia Drago - come sia possibile affidare l'incarico a un costo così basso. Questo è in contraddizione con la situazione che stiamo vivendo; in periodo di pandemia gli interventi di pulizia e sanificazione presso i presidi sanitari devono essere molto capillari, come si potrà conciliare tutto questo con un ribasso così significativo?». Rago aggiunge che «il costo del lavoro, in appalti di questa natura, rappresenta circa l'85% del totale dell'appalto: appare chiaro che un ribasso di tale portata non potrà avere che riflessi pesantemente negativi nei confronti delle maestranze con tagli delle ore lavorative». In provincia di Novara, tra il Maggiore e locali dell'Asl, sono 130 gli addetti ai servizi di sanificazione e pulizie, «una delle funzioni - aggiunge Rago - che in questo periodo appare assolutamente fondamentale e su cui non si deve risparmiare, ma va invece potenziata. Ci chiediamo come sia possibile un cambio di gestione in una fase così complessa. Abbiamo aperto lo stato di agitazione e trasmesso la notizia alla Procura di Novara». Sulla gara è aperto un contenzioso al Tar Piemonte: alcune ditte hanno fatto ricorso. Il tribunale si è già espresso nei confronti di una delle ricorrenti, Rekeep Spa, giunta quarta: il ricorso è stato dichiarato inammissibile perché la società è esclusa dalle gare pubbliche sino al 17 giugno. - © RIPRODUZIONE RISERVATA