scarica l'app
MENU
Chiudi
17/06/2020

Salvini nel Bresciano fa saltare le distanze: selfie e contestazioni

Il Fatto Quotidiano - Gianni Barbacetto e Urbano Croce

LA VISITA • Gardone Il tour del Capitano
LO SHOW DIFENDE FONTANA MA ANCHE BALOTELLI
GARDONE VAL TROMPIA (BRESCIA) Nei mesi scorsi si era diviso tra " Aprire tutto " e " Chiudere tutto " . Ieri Matteo Salvini ha optato per il " Tocchiamoci tutti " . In visita in una delle zone più colpite dal coronavirus, nella provincia di Brescia, ha fatto saltare le distanze anti-Covid e per mezz ' oretta si è gettato tra i sostenitori a somministrare il più magico dei vaccini: il selfie col Capitano. " Sono quattro mesi che facciamo di tutto per tenere la gente lontana " , ha commentato un carabiniere, " e oggi è saltato tutto " . Il leader della Lega lo aveva anticipato agli uomini del servizio dell ' ordi ne: " Voglio arrivare a piedi " . E così Salvini, arrivato nei pressi del polo tecnologico di Gardone Valtrompia, è sceso dall ' auto blu e si è concesso alle folle. Lo aspettavano circa 300 persone, democraticamente divise tra entusiasti sostenitori e accaniti detrattori. I contestatori, molti giovani e giovanissimi, hanno fatto partire i cori. Il classico " Scemo scemo " . L ' icastico " Mat teo vaffanculo " . Il brescianissimo " Va a laurà barbù " (vai a lavorare barbone). Un sostenitore del Capitano affronta un gruppetto di contestatori di pelle nera con un secco: " Tornate in Africa " . I ragazzi rispondono: " Siamo neri ma italiani " . Intervengono i poliziotti della Digos a identificare gli oppositori. SALVINI ERA SCESO dall ' auto perché si aspettava non contestazioni, ma solo ovazioni. Non sono comunque mancate: il ritmato " Matteo, Matteo " , il coro da stadio " C ' è solo un Capitano " . Salvini con un gesto della mano invitava i sostenitori ad avvicinarsi, a farsi sotto, a rompere le distanze sociali, ad abbracciare, toccare, sorridere, scattare: la raffica di selfie ha animato e ritmato decine di cellulari, esorcizzato mesi di distanze e paure. Dopo aver nutrito la sua gente, il Capitano è entrato nella sede del polo tecnologico, dove era programmato l ' incontro con gli imprenditori locali. Tra questi, il presidente degli industriali bresciani Giuseppe Pasini e Franco Gussalli Beretta, padrone di casa in un paese conosciuto in tutto il mondo per la sua fabbrica d ' ar mi. Prima di sedersi al tavolo, Salvini si è concesso una volta ancora ai suoi fan, dopo mesi di astinenza: si è affacciato alla finestra per incassare l ' ultimo mix di applausi e insulti. Poi, finalmente, il meeting con gli uomini dell ' industria. Nell ' incon tro, Salvini ha ricordato le proposte della Lega: azzeramento del codice degli appalti, revisione della cassa integrazione, riforma della giustizia, taglio del peso fiscale e della burocrazia, programma per riportare in Italia produzioni che negli anni sono state delocalizzate. Meno tasse, soldi veri, velocità, libertà d ' impresa. Poi ha ringraziato gli imprenditori bresciani che hanno donato belle cifre a favore degli ospedali lombardi nel pieno dall ' emergen za virus . Infine ha ascoltato le richieste degli imprenditori: sbloccare l ' autostra da Valtrompia, far decollare l ' aeropor to di Montichiari, meno burocrazia, più cassa integrazione. " Fra Brescia e Bergamo c ' è una buona parte del Pil italiano " , ha sottolineato Salvini. Infine, si è concesso alle domande dei giornalisti. Sfoggiando una mascherina della Polizia penitenziaria e pulendo gli occhiali con la mascherina tricolore. Come non affrontare il più caldo dei temi, in una zona che ha avuto morti e contagiati come forse nessun ' a l t ra parte d ' Europa? Come ha affrontato l ' emergenza Covid il presidente lombardo, il leghista Attilio Fontana? " Sono orgoglioso di quello che ha fatto il sistema. Sia a Bergamo che a Brescia è stato fatto il possibile e l ' impossibile. Credo che tutti abbiamo fatto il loro meglio " , se l ' è cavata il Capitano, " poi sarà la storia a dire se andava fatto altro " . Ma gli imprenditori, in special modo quelli di Brescia a Bergamo, non avevano chiesto, nel momento più delicato per la diffusione del contagio, di tenere le fabbriche aperte perché la produzione non andava fermata? " Gli imprenditori chiedono alla Lega di svegliare il governo " , dice Salvini. Poi si è pure schierato al fianco di Mario Balotelli, gloria bresciana: " Ci siamo sentiti durante il Covid. È una persona diversa da quella che raccontano i giornali e spero che anche lui pensi lo stesso di me " .

Foto: Le g h i s t i e non In 300 hanno accolto Matteo Salvini a Gardone Val Trompia FOTO ANSA