scarica l'app
MENU
Chiudi
19/06/2019

Salini lancia il “patto per Genova” «Le grandi opere per ripartire»

Il Secolo XIX

Morandi, la sfida della ricostruzione
Il numero uno delle costruzioni: «Con il nuovo ponte, Terzo valico e nodo ferroviario creiamo 7 mila posti di lavoro»
ra: è l'eredità del 1992 di cui dobbiamo liberarci» continua Salini, alludendo alla stagione di Mani Pulite. Il numero uno del gruppo non è nemmeno convinto che serva un «nuovo codice degli appalti, se poi negli uffici pubblici nessuno firma per sbloccare gli investimenti». PROGETTO ITALIA Il campione nazionale delle costruzioni serve per respingere gli attacchi dei gruppi degli altri Paesi e per competere sul piano internazionale, tanto che Salini parla di un rischio colonizzazione in Italia: «Possono prendersi pezzi della nostra competenza - racconta Diamo occupazione a migliaia di persone e formiamo giovani, conservando il know how: spero di riuscire a portare a termine il Progetto Italia». Il numero uno del gruppo conferma luglio come mese decisivo per creare il campione nazionale che dovrebbe nascere sotto il cappello di Cassa Depositi e Prestiti, con l'aggiunta di Astaldi. Costamagna è un buon nome per la presidenza? «Certo - risponde Salini -, è stato già nostro presidente, ma non siamo in quella fase». Il mercato nazionale, dice Salini, «per noi vale il 7%, i nostri competitor nei loro Paesi arrivano al 60-70%». TERZO VALICO E NODO, TOTI DA TONINELLI Sull'accorpamento dei lavori di Terzo Valico e nodo ferroviario, sancito dal decreto Sblocca Cantieri, domani potrebbero arrivare importanti novità. Il governatore ligure Giovanni Toti sarà infatti a Roma per incontrare il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli: all'ordine del giorno l'individuazione del commissario straordinario che dovrà seguire entrambi i cantieri. E proprio Toti, ieri presente al convegno, richiama la politica a una nuova «etica della responsabilità. Per sfiducia in se stessa la politica ha normato ogni genere di possibilità ma abdicare alle scelte e alla responsabilità è un gravissimo errore della politica. Qui a Genova, invece, si è ritrovato ottimismo e coraggio». Il modello Genova, appunto. -EDOARDO CROCI OSSERVATORIO GREEN ECONOMY UNIVERSITÀ BOCCONI
«Nella classifica della sostenibilità la Liguria è terza in Italia, ma il Paese soffre nel confronto internazionale» PATRIZIA LOMBARDI PRORETTRICE POLITECNICO DI TORINO «Quattro studenti su cinque non sono pronti per i nuovi lavori: serve preparazione a tutto campo» GENOVA 14 AGOSTO 2018 14 AGOSTO 2019

Foto: BALOSTRO Pietro Salini, l'ad di Salini Impregiloieri a Genova al convegno sulle infrastrutture dalla Fondazione Sorella Natura Alberto Maestrini, Luca Ubaldeschi, Pietro Salini, Edoardo Croci Il convegno della Fondazione Sorella Natura a Genova