scarica l'app
MENU
Chiudi
11/06/2020

SACILE Con il distaccamento dei Vigili del fuoco a…

Il Gazzettino

SACILE
Con il distaccamento dei Vigili del fuoco a San Giovanni del Tempio, si verrà a creare una vera e propria Cittadella della sicurezza ospitata, insieme al Gruppo comunale di Protezione civile, nei locali di via Bandida che saranno interessati ad un intervento di ristrutturazione. A renderlo noto è l'assessore alle Opere pubbliche e Programmazione della viabilità Roberto Ceraolo.
VIGILI DEL FUOCO
«Il decreto regionale emesso da qualche giorno permette alla nostra stazione appaltante comunale, di ufficializzare l'affidamento professionale per la redazione del progetto definitivo esecutivo - informa Ceraolo -. La gara per la selezione del professionista era stata già svolta, nelle more dell'emissione del decreto, per riuscire ad anticipare al massimo le procedure proprio per l'importanza che un tale servizio assume non solo per Sacile, ma per l'intero territorio dei Servizi sociali dei Comuni di Sacile, Cansiglio Cavallo».
DUE MILIONI
Il decreto garantisce la copertura economica dell'opera sostenuta dalla Regione che con propria legge 24 del dicembre scorso aveva definitivamente volanizzato il finanziamento di un milione 990mila euro, trasformandolo da conto intesse a conto capitale, con il conseguente trasferimento al Comune del contributo in funzione del crono programma compilato dagli uffici comunali. E proprio in relazione a tale norma gli Uffici hanno provveduto ad aggiornare il progetto di fattibilità tecnico economica dell'intervento, in considerazione del tempo trascorso dalla redazione del progetto preliminare. Progetto poi trasmesso alla Regione per l'emissione del decreto definitivo sulla base del nuovo importo necessario alla realizzazione dei lavori.
DICIOTTO MESI
«Senza questo provvedimento il Comune non poteva formalizzare incarichi aventi rilevanza economica - aggiunge l'assessore Ceraolo -, dato che non si possono assumere impegni di spesa se privi della garanzia della copertura economica». Compiuto anche questo ulteriore passo avanti i professionisti, compatibilmente con il momento di emergenza Covid 19 che stiamo vivendo, produrranno gli elaborati progettuali che, una volta approvati dal Comune, potranno aprire la gara d'appalto tra le imprese per la realizzazione della tanto attesa opera pubblica. Per quanto riguarda i tempi di realizzazione, ad oggi, sulla base del livello di progettazione a disposizione, è stimato un crono programma di 18 mesi.
CITTADELLA DELLA SICUREZZA
Il nuovo servizio che troverà collocazione materiale nella attuale sede del Gruppo comunale di Protezione civile in via Bandida , consentirà alla città di dotarsi di una vera e propria cittadella della sicurezza, importante non solo per la comunità sacilese ma anche per le altre del territorio. Inoltre l'intervento consentirà anche di intervenire sul tratto finale di via Bandida per garantire un facile accesso e uscita sulla Pontebbana.
L'ASSESSORE
«Si avvia concretamente all'epilogo una storia lunghissima - ricorda l'assessore Ceraolo -, iniziata con un finanziamento regionale nel 2010, rimasto bloccato per anni dal Patto di stabilità e solo lo scorso anno convertito in conto capitale così da consentirne l'impiego. La rilevanza dell'opera - ricorda poi - ha richiesto un Bando di gara sviluppato mediante una procedura aperta di rilievo europeo».
IL PROGETTO
Il progetto sarà realizzato come era stato concepito inizialmente, ovvero con la realizzazione di un nuovo accesso esterno e con un nuovo parcheggio mentre, gli edifici saranno oggetto di una totale ristrutturazione. Secondo l'assessore Ceraolo «si tratta di un servizio che negli anni si è rivelato sempre più indispensabile in un territorio dove la presenza di un fiume, le sempre più frequenti emergenze derivanti dal clima, l'essere anche zona sismica e i sempre più frequenti incidenti ed incendi di attività presenti, quale prezioso supporto alle forze dell'ordine per migliorare la sicurezza e garantire interenti più tempestivi».
VIA BANDIDA
L'assessore Ceraolo conclude informando che i lavori per il distaccamento dei vigili del fuoco prevedono anche la ristrutturazione di via Bandida fino alla intersezione con la bretella autostradale, con la sua completa messa in sicurezza, sistemazione e allargament, dato che dovrà essere utilizzata anche dai mezzi del nuovo distaccamento che dalla bretella potranno raggiungere in sicurezza il territorio da servire.
Michelangelo Scarabellotto
© RIPRODUZIONE RISERVATA