MENU
Chiudi
05/12/2018

Roveri, 1,7 milioni per le imprese

QN - Il Resto del Carlino

di GIUSEPPE CATAPANO LA DOTAZIONE finanziaria è di 1,7 milioni. Fondi ministeriali, che l'amministrazione comunale ha sbloccato destinandoli a un bando «per la concessione di agevolazione alle imprese» della zona Roveri. «Abbiamo individuato come prioritario - spiega Marco Lombardo, assessore alle Attività produttive - l'intervento in un'area con un notevole potenziale di crescita e con il più importante distretto industriale-artigianale della città». In Giunta è arrivato l'ok: fissate le linee di indirizzo, il bando sarà pronto entro fine anno. Nella delibera si fa cenno agli «aspetti di criticità legati al degrado urbano, effetto anche della situazione di stallo che si è verificata durante la fase più acuta della crisi economica». «E noi - osserva l'assessore Lombardo - abbiamo individuato come destinatari delle risorse le piccole e medie imprese già insediate alle Roveri. Ci sono realtà che hanno fatto i conti proprio con le difficoltà generate dalla crisi». I fondi saranno destinati a progetti di investimento finalizzati all'aggiornamento tecnologico, all'innovazione di processo o di prodotto, alla sicurezza, alla sostenibilità ambientale. Le agevolazioni finanziarie saranno concesse fino a 200mila euro per ogni singola azienda, le spese saranno agevolate nella misura del 50%. Il bando, nei progetti dell'amministrazione comunale, potrebbe anche contribuire a ridurre il numero degli immobili sfitti. «Un proprietario - ragiona Lombardo - può decidere ad esempio di investire sull'antisismica o sulla sicurezza: noi copriamo almeno il 50% delle spese. Detto questo, più che un problema di spazi vuoti, alle Roveri c'è un sottoutilizzo di alcuni capannoni: le piccole imprese hanno bisogno di un accompagnamento nella transizione industriale, ed è quello che stiamo facendo». ELEMENTO distintivo dell'intero percorso è «la progettazione con le stesse aziende». Il riferimento è ai confronti preparatori con le associazioni di categoria. «E conto di incontrare a breve il consorzio» ammette l'assessore. «Stiamo cercando - osserva Lombardo - di dare un segnale di ascolto da parte dell'amministrazione: la coprogettazione del bando è un metodo da replicare, primo passo per ulteriori interventi, dalla mobilità alla sicurezza, da determinare con la cabina di regia istituita per il rilancio delle Roveri». Con un auspicio. «Riqualificare può attrare investitori». E con un'intenzione. «Vediamo come andrà il bando: potremmo attivare lo stesso percorso per altre zone con caratteristiche simili». © RIPRODUZIONE RISERVATA

Il bando, progettato insieme alle aziende, sarà pronto entro fine anno: «Si potrebbe pensare - ragiona Lombardo - di attivare lo stesso percorso per altre zone con caratteristiche simili»

Primo step

Il piano


L'assessore

«Abbiamo individuato come prioritario - spiega Lombardo (Attività produttive) - l'intervento in un'area con il più importante distretto industriale e artigianale della città»

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore