scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
30/03/2021

«Rotatoria in via Curato, da Lodi sterili polemiche»

QN - Il Resto del Carlino

Luca Cardi e Alex Melloni, della Lega, replicano all'ex sindaco
I lavori per la nuova rotatoria tra via del Curato e via Modena. Un cantiere particolarmente atteso e salutato con favore dagli esponenti della Lega, che non risparmiano una frecciata all'indirizzo del capogruppo del Partito Democratico Piero Lodi che aveva sollevato perplessità rispetto al periodo scelto per l'avvio dell'intervento, sostenendo che non possa essere «la data delle elezioni a condizionare l'apertura o la chiusura dei cantieri». Il commissario della Lega Giovani Cento Alex Melloni, invece, ritiene una buona notizia l'avvio dei lavori: «Dopo tanta attesa finalmente è iniziata la costruzione della rotonda di via del Curato. La rotatoria è un opera importante, in particolare per i pendolari e per i tanti studenti che dal Bolognese si recano nelle scuole a Cento - rimarca -. Ma Piero Lodi continua a brontolare e a sollevare inutili polemiche, invece di portare proposte concrete: si lamenta quando iniziano i lavori, e allo stesso modo anche quando i cantieri sono fermi. Non è l'atteggiamento che ci si aspetta da chi siede nei banchi del consiglio in questo periodo di difficoltà. Con questo comportamento l'ex sindaco PD ricorda un personaggio di Walt Disney: Brontolo». A dare ulteriore supporto al commento di Melloni è Luca Cardi, referente centese della Lega Salvini Premier: «Le polemiche di Lodi non servono a nulla, i centesi vogliono i fatti non le parole. Ben venga quindi la partenza dei lavori in via del Curato. Il lavoro è una priorità, e sarà al centro del programma elettorale del Centrodestra: cantieri, edilizia e lavori pubblici devono ripartire, la burocrazia va snellita. La sinistra non ha contenuti e si perde in polemiche, la Lega lavora per sbloccare i cantieri e azzerare il codice degli appalti, che rallenta e ingessa comuni ed enti locali». Dunque, è chiara la posizione del 'Carroccio' rispetto all'opportunità di far partire il cantiere, in maniera tale da garantire una miglior viabilità e maggior sicurezza in un tratto di strada famigerato per la propria pericolosità».