scarica l'app
MENU
Chiudi
04/01/2020

Roseto, pronti i bandi per gestire il PalaMaggetti e la piscina

Il Centro

ROSETO «Subito dopo l'Epifania saranno pubblicati i bandi per il PalaMaggetti e la piscina comunale, sono già pronti». Ad annunciarlo è il sindaco Sabatino Di Girolamo, che insieme agli uffici comunali ha lavorato molto nell'ultimo anno per perfezionare nei dettagli i due bandi, in particolare quello per il palasport. Potrebbe essere la volta buona, visto che del bando per il palasport se ne parla ormai da due anni: la delibera sugli impianti sportivi a rilevanza economica infatti, che prevede anche il bando per la concessione del palasport, fu approvata il 30 dicembre 2017 e, in un primo momento, l'intenzione dell'amministrazione era quella di affidarlo entro l'estate 2018. La struttura, però, presenta diversi problemi e avrebbe bisogno di molti interventi di manutenzione straordinaria come il rifacimento di parti della tettoia, visto che ci sono diverse perdite di acqua in caso di pioggia, lavori sulle parti esterne dell'edificio, oltre a un nuovo impianto di condizionamento e un nuovo impianto acustico: interventi che, nel loro complesso, necessitano di ingenti risorse, almeno 250mila euro. «Il bando sarebbe dovuto uscire prima di Natale»", precisa Di Girolamo, «però il dirigente Paolo Bracciali ha voluto limare altri dettagli, e poi è andato in ferie per le festività natalizie. Data la gravità della situazione del PalaMaggetti, che ha bisogno di molte risorse per la manutenzione straordinaria, per i primi tre anni è previsto un aiuto da parte del Comune al privato che si aggiudicherà il bando». Il sindaco non precisa l'entità dell'aiuto, ma è chiaro il riferimento all'aspetto economico, anche per non rischiare che la gara vada deserta. Sulla gestione del PalaMaggetti, la struttura al coperto più grande d'Abruzzo, il Comune, da oltre 15 anni, è in perdita, ogni anno, di circa 100mila euro, e un privato, sicuramente, potrebbe sfruttarlo meglio, organizzando eventi e manifestazioni varie, evitando che l'Ente continui a perdere risorse. Nel palasport, attualmente, c'è l'appartamento dove abita l'ex custode con la sua famiglia, al quale il Comune dovrebbe trovare un alloggio alternativo in caso di gestione privata della struttura (a meno che il privato accetti la loro presenza), e anche una palestra, nell'ala est, dove da oltre 30 anni svolge le sue attività la società locale di pugilato: l'eventuale privato dovrebbe tollerare la presenza della palestra ma, nel caso non accettasse, il Comune sarebbe costretto a trovare un locale alternativo anche per la palestra di pugilato. Per la piscina, invece, il bando è più semplice, e la situazione dell'impianto è buona, anche grazie all'oculata gestione pluriennale della Asd Rosetana nuoto di Giuseppe Celommi, che sembra favorito per aggiudicarsi il bando. Luca Venanzi ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: Il palazzetto dello sport di Roseto