scarica l'app
MENU
Chiudi
27/11/2019

«Roma-Latina e la bretella si faranno» Il Pd: richiesta al Cipe di altri 200 milioni

Il Messaggero

IL PROGETTO
Corridoio Tirrenico, Superpontina, potenziamento della 148, autostrada Roma-Latina. Chi ha qualche anno e un po' di memoria ha sentito parlare di questi progetti centinaia di volte negli ultimi vent'anni. Vent'anni. Non tanto per dire, è una data precisa: si inizia a parlare di Corridoio tirrenico nel 2000, mese più mese meno. Da allora sono passati progetti, finanziamenti, dietrofront, ricorsi. Di fatto dei cantieri non c'è neppure l'ombra. E' di ieri la notizia - annunciata dal Partito democratico - relativa alla richiesta di un ulteriore stanziamento di 200 milioni di euro al Cipe. «Si è tenuto un incontro in Regione - spiega il segretario provinciale del partito Claudio Moscardelli - con l'assessore regionale alle Infrastrutture Mauro Alessandri e il capo di gabinetto del presidente, Albino Ruberti, per fare il punto sull'Autostrada Roma-Latina e la bretella Campoverde-Cisterna-Valmontone. Il 5 dicembre avremo un nuovo incontro dedicato alle infrastrutture del centrosud della provincia». Dopo aver incontrato il Ministro e l'Anas la Regione Lazio nell'incontro di ieri, al quale hanno partecipato anche i consiglieri regionali pontini Enrico Forte e Salvatore La Penna, ha ribadito la volontà di realizzare l'Autostrada, spazzando via ogni dubbio su progetti alternativi, messe in sicurezza o ipotesi di parziali realizzazioni. «E' questo - sottolinea il Pd - l'obiettivo che abbiamo perseguito per realizzare un'opera fondamentale per il futuro della nostra provincia, sede del primo polo chimico-farmaceutico d'Italia. Il percorso per arrivare a realizzare l'opera non prescinderà dalla delibera Cipe che si pensa di rafforzare portando le risorse da 468 milioni di euro a 668 milioni». Moscardelli, Forte e La Penna sottolineano che il « precedente governo a trazione leghista aveva dichiarato che l'Autostrada non si sarebbe fatta con quella approssimazione e quella superficialità che caratterizzava quella stagione. La Lega della provincia di Latina ha affermato che l'autostrada sarebbe stata un sogno ma non si capiva perché doveva essere bloccata con la ricetta alternativa di mettere in sicurezza la Pontina tramite Anas. Anas fa la gestione ordinaria della Pontina: si rifà il manto stradale e la segnaletica. Cosa che ha sostanzialmente fatto».
Ma il territorio ha bisogno di un'arteria più ampia, più sicura, con le corsie di emergenza, insomma un'infrastruttura moderna. «È stata fatta la gara d'appalto, è stata aggiudicata - sottolineano i democratici - e ci sono le risorse a carico dello Stato. Il Consiglio di Stato ha annullato solo un segmento della gara d'appalto». Dunque si va avanti - assicura il Pd - in questa direzione.
Monica Forlivesi
© RIPRODUZIONE RISERVATA