scarica l'app
MENU
Chiudi
18/04/2020

Rogo delle Grenfell Tower L’inchiesta rivela «Non ci fu gara d’appalto»

La Nuova Venezia - Rosario Padovano r.p.

san stino
SAN STINONuove rivelazioni dalla seconda parte dell'inchiesta pubblica sul rogo delle Grenfell Tower di Londra, in cui morirono gli architetti fidanzati Marco Gottardi di San Stino e Gloria Trevisan di Camposampiero. Nel mirino c'è sempre la ristrutturazione, eseguita con materiali infiammabili, dallo Studio E Architects di Londra. I giudici hanno scoperto che la ditta è stata selezionata senza alcuna gara d'appalto. Il suo fondatore e manager, Andrej Kuszell, ha provato a chiedere scusa. «Mi dispiace per tutti. Posso solo dirvi che volevamo realizzare il miglior progetto possibile». Ma c'è dell'altro. Le torri che ospitavano 120 appartamenti, sono di proprietà della Royal Borough del quartiere Kensington Chelsea. Il Royal Boroiugh è l'equivalente dei municipi di Roma Capitale, ed è quindi un organo statale. Il consulente scelto dall'accusa, Richard Millett, ha dichiarato in audizione che lo Studio E Architects poiché ritenuta «economica, conveniente, e in grado di garantire una veloce esecuzione dei lavori. Anche se - ha ammesso Millett - il progetto di rivestimento delle Grenfeel Tower era completamente diverso rispetto ai precedenti». --Rosario Padovano