scarica l'app
MENU
Chiudi
08/08/2019

Riviera, in arrivo 100 telecamere Piunti: «Controlli tutto il giorno»

Corriere Adriatico

Acquaviva premia Maurizio Compagnoni con la Crolla d'Oro L'onorificenza sarà assegnata sabato
Occhi elettronici anche sulla targhe per scovare auto rubate o veicoli senza l'assicurazione
LA SICUREZZA
SAN BENEDETTO Oltre cento telecamere con una sala operativa che prenderà posto nella sede della polizia locale. San Benedetto si prepara ad essere monitorata da 133 teleobiettivi facenti parte di un impianto di videosorveglianza che dovrebbe essere ultimato al massimo entro l'estate del 2021 e i cui lavori dovrebbero partire per fine anno. E' stato infatti pubblicato il bando per l'affidamento di lavori di realizzazione di un impianto di videosorveglianza sull'intero territorio comunale che si comporrà di telecamere installate in centro e nelle periferie ma anche di particolari occhi elettronici in grado di leggere le targhe che saranno installati nei principali punti di accesso alla città. L'appalto ha un valore a base d'asta di circa 585mila euro a cui si aggiungono le somme a disposizione e l'Iva per un totale di oltre 900mila euro anche grazia al cofinanziamento ministeriale di 412.934 euro. Le offerte dovranno pervenire entro il 4 settembre.
L'impegno
«Iniziamo - spiega il sindaco Pasqualino Piunti - a dare completa attuazione a quello che era un punto qualificante della serie di impegni che la mia amministrazione ha preso con i cittadini all'atto del suo insediamento dice il sindaco Pasqualino Piunti -. Una città monitorata 24 ore su 24 in 44 punti dislocati su tutto il territorio cittadino e in collaborazione con le forze dell'ordine vuol dire una città più sicura e la validità del nostro progetto è testimoniata dall'importante contributo che lo Stato ci ha riconosciuto». Il responsabile del procedimento è l'ingegner Nicola Antolini che ha concretizzato quella che il vice sindaco Andrea Assenti ha definito una «complessa attività preparatoria». Ma è ancora il sindaco Piunti a sottolineare come quello della videosorveglianza rappresenti solo un tassello della serie di importanti opere le cui gare sono state pubblicate negli ultimi giorni.
L'appalto
«Questo appalto - dice - è l'ultimo di una lunga serie che viene varata proprio in queste settimane e che riguarda servizi fondamentali per il futuro della città. Mi riferisco, solo per citare i più recenti, alla gestione cinematografica del teatro Concordia, alla riqualificazione del mercato ittico e dell'area della piccola pesca, alla gestione dei centri ludici polivalenti, delle varie sezioni del museo del mare, dell'impianto sportivo D'Angelo, dello stadio Riviera delle Palme. Parliamo complessivamente di appalti che hanno un valore superiore ai 4 milioni di euro».
Emidio Lattanzi
© RIPRODUZIONE RISERVATA