scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
11/02/2021

Riviera di ponente cantiere aperto Servizi, nuovi asfalti e pista ciclabile

Corriere Adriatico

In corso la pulizia dell'arenile per rimuovere la vegetazione che il mare ha riversato sulla spiaggia
LE OPERE
SENIGALLIA Grandi novità sulla riviera di ponente dove sono terminati i lavori di Viva Servizi e a breve partirà l'intervento per asfaltare il lungomare Mameli. Prevista anche una pista ciclabile a Cesano, nell'ambito della Ciclovia Adriatica, intanto è in corso l'intervento di pulizia dell'arenile per rimuovere grossi rami e altra vegetazione che il mare ha riversato sulla spiaggia. «I lavori dell'acquedotto sul lungomare Mameli sono conclusi spiega Nicola Regine, assessore ai Lavori pubblici -, adesso verrà collaudato mettendolo in pressione per verificare eventuali perdite. Successivamente verrà eseguita tutta l'asfaltatura, verosimilmente nella seconda metà del mese di febbraio».
Intanto ci sono state delle modifiche sulla realizzazione della pista ciclabile dando la precedenza a Cesano rispetto a Marzocca ma per un valido motivo. «Rispetto alle risorse economiche disponibili, di cui 180mila euro comunali e 195mila regionali prosegue l'assessore - il prolungamento della pista ciclabile in direzione Marzocca poteva essere effettuato solo per un tratto di circa 400 metri, quindi non si sarebbe potuto arrivare a Marzocca centro e nemmeno in prossimità di tale frazione. Circostanza ben nota alla precedente Amministrazione».
In pratica con i soldi al momento a disposizione sarebbe stato possibile costruire solo un ulteriore piccolo tratto, pericoloso perché la pista ciclabile sarebbe terminata improvvisamente, senza possibilità di raccordi, disorientando coloro che l'avessero percorsa. «E' stata intravista la possibilità, previa autorizzazione della Regione Marche, di utilizzare queste risorse per realizzare un tratto funzionale di ciclovia aggiunge - nel tratto che dovrebbe collegare il ponte ciclopedonale sul fiume Cesano con la viabilità ordinaria della VI Strada». L'obbligo di realizzare stralci funzionali di lavori pubblici deriva dal vigente Codice degli appalti pubblici ed è inderogabile. «E' una scelta razionale e di buon senso assicura l'assessore Regine -, finalizzata a perseguire una buona amministrazione della cosa pubblica. Contestualmente, l'amministrazione comunale si è prodigata con la Regione per ricevere ulteriori finanziamenti per completare l'intero tratto della Ciclovia Adriatica che dovrà attraversare tutto il Comune di Senigallia. L'intera opera verrà eseguita, anche se in tempi diversi assicura l'assessore - e non vi è il rischio di incompiute perché l'intera ciclovia verrà finanziata e tutta la città di Senigallia sarà attraversata da tale opera stradale». L'intero progetto, finanziato con 15 milioni di euro, denominato Ciclovia Adriatica, prevede un percorso che parte dal Veneto e termina in Puglia, di complessivi 1.100 chilometri.
Bianca Vichi
© RIPRODUZIONE RISERVATA