MENU
Chiudi
04/12/2018

Ritardi lavori 2019, la Lezzi ora se ne fa una ragione

La Nuova del Sud

Quarto sopralluogo ieri ai cantieri del ministro per il Sud
Anche un giudizio politico: "Regione in ostaggio da mesi, bisogna andare alle elezioni"
MATERA- Non è mancato neppure il commento politico. In relazione alle prossime elezioni regionali in Basilicata, rispondendo alla sollecitazione di un giornalista la Lezzi ha risposto: "Sono diversi mesi che la Regione è in ostaggio, bisogna andare alle elezioni". Si tratta del quarto sopralluogo. E' dall'estate scorsa che il ministro per il Sud Barbara Lezzi, quasi in concomitanmza con il proprio insediamento, si reca nella città di Matera per eseguire continue e costanti verifiche sull'andamento dei lavori relativi al programma infrastrutturale allestito in vista della nomina della città dei Sassi a Capitale Europea della cultura per il 2019. "Se qualcosa non sarà pronto ce ne faremo una ragione": sono le parole rivolte ai giornalisti a conclusione dei sopralluoghi di ieri. L'incontro con la stampa si è svolto in Prefettura dopo che la Lezzi ha presieduto una riunione sullo stato dei cantieri incontrando Regione, Comune di Matera, Prefettura, Anas, Fal e Invitalia. Ai cronisti che le chiedevano un "bilancio" degli ultimi mesi di preparazione, Lezzi ha risposto ricordando come i suoi giudizi degli scorsi mesi di parziale insoddisfazione sulla velocità con la quale procedevano alcuni lavori, non siano cambiati. "Io credo - ha spiegato che sarà una bella manifestazione per Matera, ma bella di suo". Commentando nel dettaglio lo stato di alcuni cantieri, il ministro ha aggiunto: "Come vi dicevo, l'agenzia del ministero che si occupa di alcuni appalti sta andando avanti. I lavori procedono - ha aggiunto - e ci dobbiamo risentire a breve per ottimizzare il trasporto pubblico locale tra l'aeroporto di Bari e Matera. Per quanto riguarda il Comune - ha proseguito - le solite osservazioni: piazza della Visitazione è ancora da decidere, in alto mare". Riferendosi ai lavori stradali e, in particolare, al collegamento con Bari, Lezzi ha detto di aver esaminato la questione con l'Anas che, ha spiegato, "sta accompagnando finanziariamente un'impresa che aveva problemi di liquidità e che stava rallentando una parte dei lavori. Per febbraio la strada sarà quasi completa. Un'altra parte slitterà di qualche mese". Infine, la Lezzi ha sottolineato che tornerà a Matera, in particolare per parlare dei servizi di trasporto in vista della trasmissione del capodanno su Rai 1. Dal canto suo l'amministrazione comunale rappresentata dall'assessore alla Cultura, Giampaolo D'Andrea, delegato dal sindaco a rappresentarlo nell'incontro con il ministro, ha reso noto "che il Comune ha pronto il piano di accoglienza e dei parcheggi a servizio delle iniziative previste. I lavori per la realizzazione del parcheggio nell'area Rfi di La Martella sono stati appaltati - ha detto DìAndrea - e entro due settimane, al termine delle procedure legate all'acquisizione della documentazione prevista dalla Legge sugli appalti, il cantiere sarà aperto. L'area di sosta sarà utilizzabile entro il 19 gennaio 2019. Schiarita anche sul parcheggio di via Lanera, per il quale esiste già la progettazione esecutiva. Si attende per i prossimi giorni l'atto amministrativo di concessione da parte dell'Asm dell'area di sua proprietà per consentire lo svolgimento della gara d'appalto e dei lavori che si concluderanno entro aprile 2019. Le opere di costruzione della rotatoria di via Lanera procedono secondo il normale cronoprogramma previsto". Riflettori anche su piazza Vittorio Veneto che ha detto l'assessore "sarà sgomberaLa Lezzi durante i sopralluoghi a Matera ta dal cantiere entro la fine della settimana in corso. I lavori procederanno negli ipogei per la realizzazione delle opere previste dal progetto condiviso tra Comune e Soprintendenza. Piazza della Visitazione, invece, è stata transennata l'area per la costruzione della bretella di collegamento via Roma-Via Aldo Moro. Dopo il 19 gennaio 2019, per evitare interferenza con la cerimonia di inaugurazione dell'anno di Matera Capitale, si procederà alla realizzazione del percorso pedonale che si snoderà da piazza Matteotti fino piazza Vittorio Veneto, passando per via Don Minzoni e via Ascanio Persio. In questo modo il flusso veicolare proveniente da via Roma non intercetterà il transito dei turisti lungo via Lucana in alcun punto". Il Comune ha deciso di procedere per stralci funzionali alla concretizzazione del progetto dell'intera piazza per creare meno disagi possibili alla città. Questa intenzione è stata suffragata dal parere tecnico del progettista del Regolamento Urbanistico, Francesco Nigro, che si è espresso positivamente sulla possibilità di procedere seguendo questo iter amministrativo. Il Comune di Matera non è quindi silente, o peggio ancora, inerte sulle questioni che riguardano la città. Ha preso atto che il cronoprogramma stabilito per la realizzazione delle opere infrastrutturale esterne (SS 96 e Bradanica) non è stato perfettamente rispettato e ha sensibilizzato il tavolo a prendere in considerazione ipotesi temporanee di utilizzo delle arterie stradali. Per la Bradanica inoltre è stato chiesto all'Anas, in attesa della conclusione dei lavori, di realizzare una cartellonistica idonea per permettere alle auto che percorrono quella strada di raggiungere la città, mitigando così i disagi che si possono prevedere consistenti.

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore