scarica l'app
MENU
Chiudi
27/01/2021

«Ristori, battaglia vinta» Bonus per gli agricoltori

QN - Il Resto del Carlino

Esulta la Coldiretti per quella che si può definire una battaglia vinta. Oltre un centinaio di aziende agricole tagliate fuori in una prima fase dai ristori sono state ammesse, grazie ad un forte pressing dell'associazione di categoria portato avanti in questi mesi, ai risarcimenti. Una boccata d'ossigeno per queste realtà spesso a conduzione familiare che tra l'altro non avevano mai chiuso assicurando così derrate e generi alimentati per i consumatori. Uno schiaffo al quale si è posto rimedio grazie ad un fitto lavoro di mediazione con le istituzioni. E' stato così varato un bando integrativo per i ristori in agricoltura che va a colmare una grave lacuna che pasava sulle spalle degli imprenditori. Esulta Carlo Salvan, presidente di Coldiretti Rovigo. «Una opportunità per quelle aziende escluse dal primo intervento», annuncia senza nascondere la sua soddisfazione. La Regione Veneto pubblicherà a breve pubblicherà il bando per la presentazione delle domande di ristoro che sono riservate agli orticoltori veneti che hanno subito perdite a causa dell'emergenza sanitaria. È arrivato ieri il nulla osta della terza commissione consiliare della Regione. Proprio Coldiretti Veneto aveva sollecitato il provvedimento rivolgendosi all'assessorato regionale competente per risolvere alcuni nodi che erano emersi nella prima stesura. I problemi riguardavano in particolare la classificazione delle colture, intoppo che ha impedito ad alcune centinaia di aziende l'accesso ai fondi di sostegno. Integrando la documentazione probatoria, le imprese escluse dalla precedente interpretazione ora potranno accedere alle risorse rimaste. In questo modo potranno coprire almeno parzialmente i danni subiti a causa della pandemia. Coldiretti Veneto sottolinea che lo stanziamento è relativo alla misura straordinaria 2.1.1 Covid 19 che fa parte del programma di sviluppo rurale che grazie alla disponibilità di 23 milioni di euro ha aiutato oltre 6mila imprese dei vari comparti in sofferenza, dall'orticolo al florovivaistico, dagli allevamenti alle fattorie didattiche e alle strutture agrituristiche. «La notizia di questo nuovo bando frutto di un disimpegno del residuo finanziario predisposto dalla giunta del Veneto - commenta ancora Carlo Salvan, presidente di Coldiretti Rovigo - va incontro a quelle aziende agricole che non avevano mai fermato la loro attività, nemmeno durante il lockdown e avevano assicurato occupazione e prodotto. Solo nella nostra provincia coinvolge un centinaio di aziende agricole. Ringraziamo la federazione regionale della nostra associazione per aver sollecitato la Regione fino a riuscire ad ottenere queste nuove risorse, si attende ora il testo del bando e le indicazioni per aprire le istruttorie». Fase che gli agricoltori si augurano sia breve. Agnese Casoni © RIPRODUZIONE RISERVATA