scarica l'app
MENU
Chiudi
09/07/2020

Rischio subappalti totali nel mirino

Il Gazzettino

Assestamento approvato a maggioranza in due commissioni A disposizione un altro milione per il fondo sociale del Fvg
REGIONE
UDINE Sanità, Sores e subappalti all'attenzione dei consiglieri regionali che stanno analizzando nelle diverse commissioni il disegno di legge sull'assestamento di Bilancio, un documento che arriverà in Aula il 28 luglio e che, di fatto, non prevede risorse aggiuntive, ma solo un'ottimizzazione dei fondi esistenti. Dopo l'analisi avvenuta in II commissione, ieri sono state la III e la IV commissione ad approvare il testo a maggioranza, nei settori di propria competenza. In III commissione per la Giunta presenti l'assessore alle Finanze Barbara Zilli e il vicepresidente e assessore alla Salute Riccardo Riccardi, che ha illustrato i 13 commi dell'articolo 8 del testo e sui quali sono intervenuti i consiglieri Andrea Ussai (M5S), Giampaolo Bidoli (Patto), Roberto Cosolini e Nicola Conficoni per il Pd. Le disposizioni, ha sintetizzato Riccardi, prevedono il miglioramento del protocollo d'intesa Regione Fvg Università per il finanziamento dei corsi di laurea delle professioni sanitarie, il limite del 30 settembre quale termine ultimo per chiedere i pagamenti della Mia, la messa a disposizione di un ulteriore milione (derivante da restituzione di fondi non utilizzati) per il Fondo sociale regionale, destinato ad aiuti economici alle fasce più deboli colpite dalla crisi da Covid-19. Confermati i 150mila euro per la Fondazione WellFare di Pordenone. Implementazione, poi, della ricerca Bio Crime per la prevenzione delle malattie trasmesse dagli animali all'uomo. Riccardi ha anche risposto all'interrogazione del Dem Diego Moretti in merito all'integrazione delle componenti sanitaria e tecnica del soccorso all'interno del servizio Nue 112. Nello specifico, il quesito riguardava la possibile prosecuzione della sperimentazione che ha attivato una postazione di lavoro presidiata da un operatore sanitario e da un Vigile del fuoco, per ottimizzare l'azione negli interventi complessi. In sintesi, affinché questa soluzione si trasformi da sperimentazione in ordinarietà sembra sia necessario un intervento legislativo. Sul punto, ha assicurato Riccardi, si sta lavorando, «per arrivare al più presto a una soluzione definitiva e conclusiva per l'applicazione stabile della sperimentazione, garantendo l'indispensabile collaborazione delle forze in campo».
SUBAPPALTO
L'assestamento è stato approvato a maggioranza anche in IV commissione consiliare, dove ieri il Pd ha presentato una proposta di legge in tema di subappalto, prima firmataria Mariagrazia Santoro, cui si sono uniti i colleghi di partito Sergio Bolzonello, Roberto Cosolini, Franco Iacop, Diego Moretti e Francesco Russo. In sintesi, la norma mira a sanare la possibilità che si è aperta, a seguito di alcune sentenze della Corte di giustizia europea e conseguenti interpretazioni di norme esistenti, di subappaltare lavori fino al 100 per cento. Ha spiegato Santoro: «Si rende necessaria una modifica a quanto previsto dall'articolo 105 del decreto legislativo 50 del 2016, Codice dei contratti pubblici, per adeguarsi alle sentenze della Corte e salvaguardare le prerogative di intervento del nostro legislatore e degli enti pubblici, quest'ultimi tenuti ad applicare la normativa volta a prevenire distorsioni ed errori interpretativi». Senza un'azione in tal senso, ha aggiunto la Dem, «si corre il rischio di una proliferazione di gare con subappalti liberi anche al 100% che, sostanzialmente, si configurano come cessioni totali di contratto, fattispecie però vietata dalla legge».
BANDI
«Ampia e positiva» la partecipazione ai bandi scaduti a giugno per due misure del Programma di sviluppo rurale 2014-2020 della Regione per interventi di avviamento delle imprese di giovani agricoltori (95 domande), noto anche come bando giovani e per iniziative di diversificazione in attività agrituristiche (47). Lo ha reso noto l'assessore regionale Stefano Zannier. «Trattandosi di interventi principalmente rivolti ai giovani agricoltori - spiega - la Regione presenta questi dati con soddisfazione poiché intravvede una volontà di continuare a investire nel settore a dispetto del periodo di crisi». Assegnati 850mila euro extra per lo scorrimento della graduatoria del bando giovani 2019.
Antonella Lanfrit
© RIPRODUZIONE RISERVATA