scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
02/02/2021

Riscaldamento Arrivate oltre 200 domande per il bonus

Il Gazzettino

AZZANO
Saranno liquidati a metà febbraio i 205 residenti in difficoltà economica, famiglie e persone che vivono sole, che hanno fatto domanda di un contributo per pagare le spese di riscaldamento. Per erogare questi aiuti l'amministrazione di Marco Putto ha accantonato 100mila euro, ma a conti fatti, ne impegnerà complessivamente 83mila euro. Si tratta comunque di un numero considerevole di persone che hanno chiesto sostegno, in questo periodo segnato dalla pandemia da Covid-19, durante il quale hanno risentito dei contraccolpi economici. C'è chi ha perso il lavoro e chi, pur avendo un'attività, ha visto ridursi le entrate.
BANDO STRAORDINARIO
Il bando straordinario per il sostegno alle famiglie residenti nel territorio comunale a sollievo delle spese di riscaldamento è stato approvato dalla Giunta azzanese il 5 novembre 2020, fissando il termine per le richieste al 16 dicembre, anche se come spiega l'assessore alle politiche sociali e alla famiglia, Roberto Innocente «abbiamo lasciato aperto il bando per un tempo più lungo per eventuali integrazioni. Ma in poco tempo, meno di due mesi, siamo riusciti a chiuderlo. Il bando riportava precisi criteri, importi, tempi di attuazione per l'erogazione del contributo, finalizzato a sgravare le famiglie azzanesi dalle spese di riscaldamento, come metano, Gpl, gasolio, riscaldamento Ater e condominale, purchè comprovate da bollette e fatture».
Una misura di sostegno a favore delle famiglie che hanno un reddito basso e sono state inserite nella fascia inferiore quanto a Isee, per aiutarle a fronteggiare i costi del riscaldamento sostenuti negli anni 2019 e 2020. Tale misura si inserisce, quindi, nel quadro della strategia comunale in materia di politiche a favore dei più bisognosi e dei servizi alla persona. «Rispetto agli altri anni - sottolinea Innocente - quando la tipologia di persone era abbastanza fidelizzata, da aprile 2020 è emerso un sottobosco di situazioni difficili. Per tante famiglie che prima vivevano senza chiedere aiuti, con la pandemia è cambiato tutto».
IN ARRIVO NUOVI AIUTI
Ma saranno faticosi e difficili anche i prossimi mesi, per questo l'amministrazione fa il possibile per adottare misure di sostegno a favore delle famiglie. Sarà infatti di prossimo avvio un altro bando Attiva Azzano di 70mila euro. Nel frattempo stanno arrivando, per la seconda volta, i fondi governativi, come quelli di marzo-aprile 2020. Il Comune ha ricevuto 98mila euro per acquisti di generi alimentari, e insieme all'Ambito hanno deciso di dividere la risorsa: 40mila euro andranno al Csa per l'attività di gestione delle borse alimentari in sinergia co i Servizi sociali, 35mila euro serviranno per l'erogazione di buoni spesa per un valore di 50 euro, da spendere negli esercizi commerciali comunali. Altri 10 mila euro in buoni spesa, saranno consegnati alle assistenti sociali che le distribuiranno alle utenze bisognose.
Mirella Piccin
© RIPRODUZIONE RISERVATA