MENU
Chiudi
31/10/2018

Rimozioni auto bando sbagliato per la sesta volta e il Tar lo annulla

La Repubblica - Flaminia Savelli

Il provvedimento
L'ultima, pesantissima, tegola piovuta sul bando rimozioni del Campidoglio è arrivata ieri dai giudici del Tar che hanno giudicato "gli atti di gara illegittimi". E proprio a un passo dall'apertura delle buste fissato per il prossimo 6 novembre. L'amministrazione grillina dovrà riprovarci ancora una volta. Si tratta del sesto stop in tre anni ma i pasticci sull'assegnazione sono, a questo punto, davvero tanti. Una strada senza uscita per l'ufficio della Mobilità che dal 2015 tenta di risolvere la spinosa questione dei carri attrezzi.
Dalla sospensione al Consorzio Laziale Traffico decisa dall'Agenzia delle Entrate che aveva contestato violazioni fiscali a due società del gruppo, tutto è ancora fermo. Dopo i due tentativi andati a vuoto di affidare il servizio all'Atac, a maggio il Campidoglio in accordo con i vertici della polizia Municipale, aveva presentato il nuovo piano. Con un appalto da 3,6milioni di euro e la garanzia di 50mila rimozioni all'anno, almeno sulla carta, era pronta una vera rivoluzione per la capitale: la gestione da affidare a una piattaforma digitale per snellire il lavoro dei depositi giudiziari, le pratiche per i vigili e per gli utenti.
Peccato per la casella delle ganasce rimasta vuota e per i conti falsati. Così per correggere gli errori, i responsabili amministrativi dopo aver sospeso la procedura in "autotutela", avevano rimesso mano alle tabelle e ai parametri per un "adeguamento al 2017 dei costi contrattuali relativi al personale da impiegare nel servizio".
Una corsa contro il tempo per non far saltare la gara tra le due ditte che si sono presentate. E invece una pioggia di ricorsi ha frenato, per l'ennesima volta, le assegnazioni. Già a settembre un primo procedimento aveva rallentato l'intera procedura. Con una nota ufficiale era poi arrivata la rassicurazione dal Campidoglio: «La seduta pubblica inizialmente prevista per il 9 ottobre è stata rinviata, a scopo precauzionale al prossimo 6 novembre, a seguito di un ricorso. Il bando quindi non è stato ritirato né sospeso».
Invece altre 8 società sono ricorse ai giudici amministrativi che hanno quindi rilevato, proprio nella formulazione della piattaforma digitale proposta dall'amministrazione, una «violazione dei principi e delle regole dei contratti pubblici a garantire la tutela della concorrenza». Intanto proprio ieri, la sindaca ha annunciato il via al servizio per la rimozione di auto o moto abbandonati. Si tratta del servizio in gestione alla polizia Locale che però nulla ha a che fare con le rimozioni forzate: i furbetti della sosta vietata e delle doppie file possono ancora dormire sonni tranquilli.

Foto: Un mezzo per le rimozioni auto

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore