scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
04/05/2021

Rimorchiatori, due ditte in gara per un appalto da 127 milioni

La Stampa - ELENA ROMANATO

in gioco l 'agg iudicazione dell'attività per i porti di Savona e Vado Lig ure
Sono l'attuale concessionario del servizio Carmelo Noli e la Svitzer Il bando europeo è stato indetto dalla Capitaneria per i prossimi 15 anni
SAVONA Sono due leader del settore le società che avrebbero fatto pervenire la propria offerta alla gara indetta dalla Capitaneria di porto per assegnare l'attività di rimorchio nei porti di Savona e Vado Ligure per i prossimi quindici anni. Si tratterebbe dell'attuale concessionario del servizio, la Carmelo Noli (Gruppo Scafi) e Svitzer, società facente parte del Gruppo Ap Moeller Maersk e che tramite Apm Terminals gestisce la nuovissima piattaforma Vado Gateway di Vado Ligure. Il bando, scaduto il 22 marzo, partiva un valore stimato complessivo dell'appalto di 127 milioni 633.mila 755 euro, con durata della a della concessione di 180 mesi (15 anni). L'assegnazione verrà fatta in base al criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa. Con la presentazione delle offerte si chiude una prima fase dell'iter. Ora la Capitaneria di porto di Savona, un esame della validità della documentazione e la verifica dei requisiti richiesti, avvierà ora la seconda fase della procedura dovrebbe concludersi nell'arco di 5 mesi con assegnazione della concessione per l'autunno, o comunque entro la fine dell'anno. Il bando arriva dopo un lungo e complesso iter istruttorio, cominciato nel 2019 e segna un passaggio storico per la portualità italiana. Infatti quello per la concessione dei servizi di rimorchio per il porto savonese è il primo bando elaborato dopo l'entrata in vigore del codice italiano degli appalti e del regolamento 352/2017 dell'Unione europea sui servizi tecnico-nautici. Una sorta di banco di prova, quindi, che poi toccherà gli altri porti liguri e italiani. Oltre ai vari aspetti legati all'organizzazione del lavoro e alla sicurezza nei porti il nuovo bando ha dovuto tenere conto di aspetti di rilievo della portualità del territorio, in particolare il recente avvio della piattaforma di Apm Terminals a Vado, con una previsione della futura organizzazione del servizio di rimorchio nel terminal vadese, dove a pieno regime è prevista una movimentazione di 900 mila container l'anno, e quindi prendendo in esame le esigenze dei nuovi traffici e delle tipologie di navi che vi faranno scalo nei prossimi anni. Il bando segna un momento particolare per la portualità savonese e italiana, con le compagnie marittime che puntano sempre di più a una integrazione dei servizi. -

Foto: Finora il servizio di rimorchio nel porto di Savona era garantito dalla Carmelo Noli