scarica l'app
MENU
Chiudi
03/10/2020

Rigenerazione urbana e periferie, al via bando da 850 milioni per le città

Il Sole 24 Ore - Giorgio Santilli

EDILIZIA
Saranno scelti i progetti senza consumo del suolo e con proposte dei privati
Arriva il bando del governo per le proposte di rigenerazione urbana: servirà ad assegnare i primi 853 milioni disponibili per l'operazione battezzata «qualità dell'abitare». Il bando (che in realtà è un decreto interministeriale, firmato dalla ministra De Micheli, e controfirmato dai colleghi Gualtieri e Franceschini), è ora in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale: si rivolge a Regioni, città metropolitane, Comuni capoluoghi di città metropolitane e di provincia, Comuni di oltre 60mila abitanti, che potranno presentare fino a tre proposte ciascuno entro 120 giorni. Gli investimenti attivati dal bando saranno di gran lunga superiori ai fondi stanziati, considerando che saranno premiati i progetti che attiveranno altre risorse pubbliche e private e che coinvolgeranno operatori privati. Fra gli altri criteri di selezione pesa «il bilancio zero nel consumo di nuovo suolo». Santilli -a pag. 3

ROMA

Al via i progetti per rigenerazione urbana e recupero delle periferie. Era uno degli aspetti qualificanti della legge di bilancio 2020 e ora arriva il bando del governo per presentare le proposte: servirà ad assegnare i primi 853 milioni disponibili che dovranno portare però a un investimento di gran lunga maggiore, considerando che dei sette criteri per stilare la classifica delle proposte (e decidere chi avrà i soldi) due sono moltiplicatori finanziari. Saranno premiati, cioè, i progetti che attiveranno altre risorse pubbliche e private in aggiunta a quelle richieste sul fondo (lettera E) e quelli che coinvolgeranno operatori privati (lettera F).

Fra i criteri di selezione dei progetti spicca per rilevanza strategica quello della lettera D che chiede «bilancio zero del consumo di nuovo suolo» mediante interventi di recupero e riqualificazione di aree già urbanizzate.

Saranno premiate anche le proposte che avranno maggiore qualità e coerenza con le finalità di cui all'articolo 1, comma 437, della legge 160/2019, in particolare «presenza di aspetti innovativi e di green economy» (lettera A), quelle che porteranno maggiori investimenti su «immobili di edilizia residenziale pubblica, con preferenza per le aree a maggiore tensione abitativa» (lettera B) e la presenza nell'intervento di «recupero e valorizzazione dei beni culturali, ambientali e paesaggistici ovvero recupero e testimonianze architettoniche significative» (lettera C). L'ultimo criterio (lettera G) è l'applicazione della metodologia Bim (Building Information Modeling) e della progettazione digitale. Un criterio molto caro al neodirettore del dipartimento Infrastrutture del Mit, Pietro Baratono, che ne è stato un precursore nell'applicazione agli investimenti pubblici.

Il bando è rivolto a Regioni, città metropolitane, comuni capoluoghi di città metropolitane e di provincia, comuni di oltre 60mila abitanti: potranno presentare fino a tre proposte ciascuno, avranno 120 giorni per farlo (ci sarà poi una seconda fase con una maggiore articolazione delle proposte nei successivi 120 giorni). Il bando è in realtà un decreto interministeriale, firmato dalla ministra alle Infrastrutture, Paola De Micheli, e controfirmato dal ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, e dal ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini. È atteso ora in Gazzetta ufficiale.

Ma quali saranno i settori e le finalità delle proposte progettuali? Il decreto, all'articolo 2, ne indica cinque: a) riqualificazione e riorganizzazione del patrimonio destinato all'edilizia residenziale sociale e suo incremento; b) rifunzionalizzazione di aree, spazi e immobili pubblici e privati anche attraverso la rigenerazione del tessuto urbano e socioeconomico e all'uso temporaneo; c) miglioramento dell'accessibilità e della sicurezza dei luoghi urbani e della dotazione di servizi e delle infrastrutture urbano-locali; d) rigenerazione di aree e spazi già costruiti, soprattutto ad alta tensione abitativa, incrementando la qualità ambientale e migliorando la resilienza ai cambiamenti climatici anche attraverso l'uso di operazioni di densificazione; e) individuazione e utilizzo di modelli e strumenti innovativi di gestione, inclusione sociale e welfare urbano nonché di processi partecipativi, anche finalizzati all'autocostruzione.

I progetti dovranno riguardare le aree periferiche e quelle che, «ancorché non periferiche, sono espressione di disagio abitativo e socioeconomico e non dotate di adeguato equipaggiamento urbano-locale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Edilizia privata, le imprese e il settore (*) Nel dicembre 2019 è stato sottoscritto un accordo vincolante per l'integrazione in Impresa Percassi del business costruzioni di Mangiavacchi Pedercini diventato poi ef cace dal 1°marzo 2020. Fonte: Elaborazione Guamari TRAINO DEL SETTORE La differenza di performance tra imprese specializzate in edilizia privata e quelle che operano anche nel pubblico. Dati in % TOP 50 LE 26 SOLA ALTRE 24 EDILIZIAPRIVATA -50%-25% 0% 25% 50% 75% Fatturato Ebitda Ebit Utile netto Indebitam. nanziario netto Patrimonio netto 7,7 -16,3 -27,2 61,3 -2,2 3,3 2,1 -27,8 -54,5 36,1 6,5 0,1 31,2 32,6 46,9 76,2 -30,8 11,9 LA DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA DELLE TOP50 Numero di imprese Lombardia Emilia-Romagna Veneto Piemonte Friuli-Venezia Giulia Lazio Abruzzo Sardegna Trentino-Alto Adige 19 9 8 5 1 4 1 1 2 I BIG DEL PRIVATO 26 imprese attive esclusivamente nell'edilizia privata. Fatturato nel settore >85% del totale. In migliaia di euro Smv Costruzioni Ediltecno Restauri Nessi & Majocchi Sa-Fer DeveroCostruzioni Ricci Tiemme Costruzioni Edili Building Giambelli Mario Neri GuffantiA. Ars Aedi candi Costruzioni Generali Due Techbau Colombo Costr. Impresa Percassi* Costr. Generali Gilardi Setten Genesio Cds Costruzioni Cev Mangiavacchi Pedercini* Borio Mangiarotti Edile Grassi & Crespi Albini e Castelli Cospe IMPRESA VALORE PRODUZ. 2019 IMPRESA VALORE PRODUZ. 2019 310.363 198.091 136.416 86.814 80.805 73.273 57.353 54.912 52.945 51.791 47.100 45.875 45.020 43.130 42.397 40.478 38.859 35.894 32.548 29.900 25.882 24.862 23.632 20.667 19.333 13.641

EDILIZIA PRIVATA, LE IMPRESE E IL SETTORE