MENU
Chiudi
08/12/2018

Rifiuti, il Comune si oppone alle ” pretese ” della Dusty

Gazzetta del Sud

Ricorso in Tribunale
La ditta il 23 novembre aveva annunciato la risoluzione in danno
Gestione rifiuti, un nuovo capitolo di una vecchia storia. Anzi, proprio una vecchia storia che si ripete. Non cambia, infatti, il canovaccio. Cambiano gli attori, le ditte, le amministrazioni ma alla fine quello che resta uguale è il nodo da sciogliere: un servizio in balia di se stesso, dove per azienda che arriva c ' è criticità e contenzioso che si presenta. Così, in tre anni di ditte ne sono cambiate tre, sei gli assessori all ' Am biente e questo, naturalmente, tutto con l ' Amministrazione in carica. Dalla ProgettAmbiente all ' Ased fino alla Dusty - questioni e ragioni comunque differenti - ed oggi il rischio che il sindaco si trovi dinnanzi alla necessità di trovare un ' altra ditta. E se, infatti, la Dusty il 23 novembre annunciava l ' avvio della procedura per la risoluzione in danno e lo stesso primo cittadino a giorni di distanza spiegava che al Comune non era stato notificato niente, è di ieri il provvedimento firmato dalla dirigente Adriana Teti con cui determina di «resistere nel giudizio pendente dinnanzi al Tribunale civile avverso il ricorso intentato dalla ditta». Nessun riferimento specifico sulle ragioni del contendere ma in ogni caso nell ' atto (det. n. 1254) si fa il punto sull ' appalto che costa alla città oltre 10 milioni e al fatto che la «Dusty affidataria del servizio della gestione integrata dei rifiuti ha presentato un atto di citazione dinanzi al Tribunale civile di Vibo avverso il percorso seguito dall ' Amminist razione durante l ' esecuzione del contratto» e, dunque, considerato che «le motivazioni adottate a sostegno delle pretese sono totalmente infondate» la decisione di costituirsi in giudizio. Ergo, si deduce che si tratti delle responsabilità di cui l ' ammini stratore unico De Geronimo parlava nell ' annunciare la risoluzione del contratto, ossia la modifica delle condizioni che nei fatti era stata chiesta ma mai messa nero su bianco, tranne quando a luglio veniva deliberata e... revocata tre mesi dopo. s.m.

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore