scarica l'app
MENU
Chiudi
15/12/2019

Rifiuti, il Comune conferma Ecocar

Il Mattino

LE MAESTRANZE STANNO FACENDO PRESSING SUI SINDACATI PER OTTENERE RISPOSTE
L'AMBIENTE
Daniela Volpecina
Gestione rifiuti, nuova proroga a Ecocar Ambiente, il consorzio che gestisce il servizio di igiene urbana a Caserta dal 2013, malgrado la vincitrice del bando di gara sia la società Energetikambiente. La firma del contratto in realtà non c'è ancora stata e sulla vicenda pende anche un ricorso al Tar Campania ma è guerra aperta tra le due società e anche con il Comune accusato di temporeggiare.
L'ITER
La gara, espletata l'estate scorsa dalla centrale di committenza Asmel, e aggiudicata il 2 ottobre alla Energetikambiente, unica candidata insieme alla stessa Ecocar, a distanza di cinque mesi non ha ancora partorito un vero e proprio passaggio di consegna tra le due realtà. A Palazzo Castropignano non si sbilanciano sulle cause che hanno rallentato l'iter burocratico e che rischiano ora di bloccare definitivamente l'aggiudicazione ma c'è, tra i rappresentanti sindacali, chi insinua il dubbio che la documentazione fornita dalla società fosse incompleta o comunque carente di alcuni dei requisiti fondamentali previsti dalla normativa in materia. Niente di più falso secondo la Energetikambiente che rivendica la stipula del contratto tra le parti.
L'ATTESA
Nel frattempo la Ecocar sta continuando a svolgere il servizio, proroga dopo proroga, in attesa del verdetto del Tar al quale ha presentato ricorso tre mesi fa per chiedere l'esclusione della Energetikambiente se non addirittura l'annullamento della gara. Un'istanza cautelare, quella della Ecocar, rigettata dal tribunale il 28 novembre scorso (ordinanza numero 1901) che sul caso si pronuncerà soltanto il prossimo 29 gennaio e soltanto dopo aver esaminato ulteriori documentazioni fornite dalla società. Nel frattempo i giudici dell'ottava sezione del Tar di Napoli hanno stabilito che l'affidamento alla Energetikambiente non può essere sospeso perché la raccolta rifiuti è un servizio di pubblica utilità e obbligato il Comune a dare continuità all'iter di assegnazione già in essere. Un parere che non ha impedito all'ente di conferire l'ennesima proroga alla Ecocar che gestisce il servizio in città da quasi sette anni. Dapprima per effetto di un appalto quinquennale, scaduto nel febbraio del 2018, e da allora per l'appunto in regime di proroga in attesa che si definisca la nuova assegnazione. Se infatti il Tar dovesse esprimersi a favore della Ecocar, il Comune dovrebbe prendere in considerazione l'ipotesi di affidare il servizio alla seconda classificata o bandire una nuova gara di appalto. E in tal caso sarebbe la terza in 13 mesi dopo il nulla di fatto del novembre 2018 quando a bloccare l'appalto fu la magistratura. Anche in quel caso una delle tre candidate era la società Energetikambiente che per quella gara un appalto della durata di sette anni e del valore di circa 116 milioni di euro fu indagata dalla Dda di Napoli.
LA MINI GARA
Diverso il caso della mini gara semestrale (rinnovabile per altri sei), bandita invece dal Comune di Caserta la scorsa primavera. Un bando di circa dodici milioni di euro che avrebbe dovuto traghettare il servizio di raccolta e spazzamento dei rifiuti verso una gestione in house per dire così addio, dopo oltre venti anni, alla prassi dell'esternalizzazione.
GLI ADDETTI
Negli ultimi mesi l'amministrazione, guidata dal sindaco Carlo Marino, ha ribadito più volte di aver intenzione di costituire una società interamente partecipata per razionalizzare i costi legati al servizio di igiene urbana. Tra le novità di questa gara ponte, la reintroduzione del servizio di raccolta notturna, una intensificazione delle attività nei pressi dei monumenti durante il weekend e una implementazione dei mezzi impiegati per la raccolta e dei contenitori per i sacchetti. In queste ore i più preoccupati però sono i 160 lavoratori che stanno facendo pressing sulle sigle sindacali affinché venga inviata una richiesta di accesso agli atti al Comune che consenta a tutti di avere un quadro più chiaro della situazione.
© RIPRODUZIONE RISERVATA