MENU
Chiudi
28/09/2018

Rifiuti, bandi aperti alle pmi

ItaliaOggi - Pagina a cura DI ANDREA MASCOLINI

Precisazioni dell'Antitrust su affi damento gestione integrata servizi di igiene urbana
Concessioni: durata idonea a recuperare gli investimenti
Nelle gare per l'affidamento di concessioni dei servizi di smaltimento rifiuti la durata dell'affidamento deve essere commisurata ai tempi di recupero degli investimenti; l'ampiezza dei bacini di affidamento deve essere tale da consentire la partecipazione alla gara da parte delle piccole e medie imprese. Sono questi i principi desumibili da quanto ha precisato l'Autorità garante della concorrenza e del mercato con il parere (AS 1533) del 4 luglio 2018, pubblicato sul bollettino n.35 del 24 settembre 2018, in merito ad un bando di gara per l'affidamento della gestione integrata del servizio di igiene urbana. Il parere fa seguito a una segnalazione concernente alcuni possibili problemi concorrenziali insiti nei bandi di gara indetti da Atersir, aventi ad oggetto l'affi damento «della gestione integrata dei servizio di igiene urbana» nelle province di Parma, Piacenza e RavennaCesena ed emanati dopo che l'Antitrust aveva chiesto di evitare la proroga delle convenzioni in essere per evitare un «grave pregiudizio per il corretto dispiegarsi di dinamiche concorrenziali nella gestione dei servizi in esame». In particolare, sui bandi di gara pubblicati dalla stazione appaltante l'Autorità ha formulato adesso alcune ulteriori osservazioni che, per il loro carattere di generalità, appaiono di interesse. In particolare, si riferisce alle previsioni relative alla durata degli affi damenti in considerazione delle caratteristiche dei servizi richiesti, nonché a quelle disciplinanti l'ampiezza dei bacini. Nel parere si evidenzia che le clausole dei bandi, «ove lette congiuntamente, appaiono idonee a limitare signifi cativamente la partecipazione alle gare da parte di medie e piccole imprese, sia pure in Ati, a vantaggio degli storici operatori di mercato». In merito al tema della durata dell'affi damento del servizio, l'Autorità ha rimarcato la necessità, già espressa in precedenza, che sia limitata e in ogni caso proporzionata ai tempi di recupero degli investimenti, al fine di impedire il consolidarsi di posizioni di rendita. Nel caso specifico era stata fissata una durata dell'affidamento pari a 15 anni, termine che l'Antitrust ha qualifi cato come «palesemente sproporzionata e non in linea con l'orientamento costante dell'Autorità». La considerazione svolta nel parere nasce dal fatto che le prestazioni richieste al concessionario nei bandi riguardano principalmente la raccolta di rifiuti urbani. In questo settore, ha notato l'Antitrust, gli investimenti non sono così ingenti e tali da definire una durata così lunga per la remunerazione del capitale investito dal concessionario. Gli oneri sono legati ai veicoli che effettuano la raccolta e gli investimenti riguardano gli impianti. Il parere ha sottolineato che nell'ambito dell'affidamento sono ricomprese le attività di avvio a recupero e avvio a smaltimento, ma non, correttamente, sotto il profi lo concorrenziale, né le attività di recupero né quelle di smaltimento, che possono essere svolte in regime di mercato. Non rientrando nell'affi damento attività che possano eccedere il mero servizio di trasporto e conferimento agli impianti, la durata viene considerata eccessiva. Un ulteriore elemento dei bandi che, ad avviso dell'Antitrust, contiene elementi di criticità è quello dell'eccessiva ampiezza dei bacini di affi damento e dei requisiti economico fi nanziari e tecnico organizzativi richiesti. Pur prendendo atto del margine di discrezionalità che residua alle stazioni appaltanti, il parere richiede di ridurre l'ampiezza dei bacini per consentire alle piccole e medie imprese di partecipare.

Speciale appalti

Tutti i venerdì una pagina nell'inserto Enti Locali e una sezione dedicata su www.italiaoggi.it/specialeappalti

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore