scarica l'app
MENU
Chiudi
15/01/2021

Rifiuti, appalto da 8 milioni

Corriere Adriatico

Un impianto di selezione dei rifiuti della Eco Elpidiense, l'azienda che ha gestito la raccolta porta a porta dal 2012 fino a oggi Il bando
Quattro imprese in gara per la raccolta. Terrenzi: «A primavera la nuova gestione» SANT'ELPIDIO A MARE Arriva alla fase decisiva l'appalto quinquennale per i servizi di igiene urbana. Si è svolta ieri la prima riunione della commissione giudicatrice, che dovrà valutare tutte le aziende che hanno risposto al bando, candidandosi ad occuparsi della raccolta rifiuti. Quattro le imprese che hanno partecipato alla gara. Oltre alla Eco Elpidiense, l'azienda che ha gestito la raccolta porta a porta dal 2012 a oggi, si sono candidate altre tre società di altre regioni: la cooperativa Ciclat Trasporti Ambiente di Ravenna, la Impregico, da San Giorgio Jonico, in provincia di Taranto, e la Teknoservice di Piossasco, in Piemonte. Tutte le proposte sono state ritenute ammissibili, avendo inviato tutta la documentazione richiesta, quindi si è passati alla fase di valutazione. La commissione ha avviato ieri i lavori, dovrà analizzare tutte le proposte, per poi stilare la graduatoria. Il bando prevedeva l'assegnazione di 80 punti su 100 in base all'offerta tecnica e i restanti 20 in base a quella economica. Si parte da un canone di 1,6 milioni di euro annui, per un appalto che supera di poco gli 8 milioni di euro. «Sarà una scelta importante - commenta il sindaco elpidiense Alessio Terrenzi - attendiamo che i tecnici facciano il loro lavoro per individuare la ditta vincitrice, penso che in primavera partirà la nuova gestione. In ogni caso sono convinto che si tratterà di una realtà seria che svolgerà un buon lavoro. Veniamo da un servizio molto positivo, siamo soddisfatti della gestione dei rifiuti che ormai diversi anni fa ci ha visti introdurre la raccolta porta a porta. Abbiamo raggiunto ottime percentuali di differenziata, con una costante crescita, ma vantiamo anche costi al cittadino tra i più bassi della nostra regione». Con il prossimo appalto, il bando prevede di proseguire con il porta a porta, pur con alcune modifiche. Saranno ridotti i turni di ritiro dell'indifferenziato, da due ad una sola volta a settimana, e del vetro metalli, una volta ogni 14 giorni anziché un ritiro a settimana. Inoltre, c'è l'obiettivo di introdurre il passaggio da tassa a tariffa, attraverso la misurazione puntuale dei rifiuti. Si prevede di identificare e contabilizzare i rifiuti, attraverso i codici identificativi di cui sono già dotati i contenitori di cui dispone ogni famiglia. Previsto anche un potenziamento degli ecocentri, con un sistema di identificazione degli accessi e un meccanismo di premialità per gli utenti virtuosi. Prevista anche la realizzazione, nell'arco del primo anno di appalto, di un centro del riuso che sarà allestito in via Galilea, adiacente all'ecocentro del capoluogo. Pierpaolo Pierleoni