MENU
Chiudi
27/09/2018

Ricostruzione, niente gara: “dialogo competitivo “

Il Secolo XIX

IL CODICE DEGLI APPALTI
Le modalit à con cui verr à realizzato il ponte di fatto tagliano fuori la Societ à Autostrade
Mario De Fazio / GENOVA Niente gara pubblica, ma neanche un affidamento diretto tout court . Il commissario straordinario per la ricostruzione, stando all'ultima bozza del tanto atteso "decreto Genova " , affider à i lavori per il nuovo ponte attraverso una procedura veloce su inviti, il cosiddetto "dialogo competitivo " . Le modalit à con cui verr à individuato il soggetto che dovr à realizzare il viadotto sul Polcevera che prender à il posto del Morandi sono contenuti in un passaggio del comma 7 del primo articolo del decreto, lo stesso inserito in un secondo momento per tagliare completamente fuori Autostrade per l'Italia da demolizione, progettazione e ricostruzione. Comma che all'incipit contiene la traccia legislativa per arrivare alla procedura del dialogo competitivo. Il riferimento è al Codice degli appalti, articolo 63, dedicato alle modalit à di utilizzo di una procedura negoziata senza pubblicazione di un bando di gara. Un modus operandi che, si legge nel testo, pu ò essere adottato « per ragioni di estrema urgenza derivante da eventi imprevedibili dall'amministrazione aggiudicatrice » circostanze in cui « i termini per le procedure aperte o per le procedure ristrette o per le procedure competitive con negoziazione non possono essere rispettati » . Come dovrebbe procedere quindi il commissario nominato dal governo che, in base al decreto, sar à anche stazione appaltante? La risposta è sempre nella procedura particolare prevista dal Codice degli appalti, quando si specifica che « le amministrazioni aggiudicatrici individuano gli operatori economici da consultare » e, allo stesso tempo, « selezionano almeno cinque operatori economici, se sussistono in tale numero soggetti idonei » . Tradotto: il commissario invita cinque soggetti e sceglie con tempi molto più rapidi rispetto a una gara a evidenza pubblica - chi far à il ponte. Ma la formulazione del "dialogo competitivo " risponderebbe anche a un preciso obiettivo politico: una mediazione, sia all'interno dell'esecutivo che rispetto al rapporto con l'Unione europea. Sul primo versante, in questo modo si sarebbero disinnescati cos ì potenziali dissidi tra la Lega, che spingeva per tempi più rapidi, e una componente dei Cinquestelle più attenta alla trasparenza delle procedure. Ma la possibilit à di invitare più soggetti e poi scegliere l'attuatore sarebbe stata anche oggetto del dialogo portato avanti nelle scorse settimane dal governo in sede di Commissione europea, per non cadere in una possibile procedura di infrazione. Al question time di ieri alla Camera, il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha accennato alle modalit à con cui il commissario proceder à alla ricostruzione. « Il commissario straordinario avr à il compito di porre in essere ogni azione necessaria per affidare, in osservanza della direttiva dell'Unione europea 24 del 2014 ( che regola gli appalti pubblici, ndr ), i lavori necessari al ripristino del sistema viario colpito dal crollo di quel tratto dell'autostrada A10 » ha spiegato Toninelli, sottolineando che « il governo non interviene direttamente nella scelta del contraente, ma pone al commissario precisi paletti normativi, quantomeno per evitare che la scelta determini indebiti vantaggi competitivi nel sistema delle concessioni autostradali » . I "paletti " invocati da Toninelli fanno riferimento all'esclusione totale di Autostrade per l'Italia da demolizione e ricostruzione. Sulla revoca della concessione, invece, Toninelli ha chiarito che « dipende dalla procedura di contestazione dell'inadempimento avviata dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e non trova alcuna regolazione nel decreto legge che sta per essere portato all'attenzione del Parlamento » . - c BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

Foto: FORNETTI


Foto: Il troncone di levante del Morandi affacciato sulla ferrovia

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore