scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
19/05/2021

Ricorso gestione, il Tar si pronuncia a luglio

La Prealpina

La ditta che ha perso la gara si oppone. In ballo un appalto da 700mila euro, ribassato a 550mila
(e.r.) - Si sta alla finestra sino a fine luglio. Nei giorni scorsi il Tar ha fissato per il 15 luglio la trattazione del ricorso che pende sull ' affidamento della gestione dei cimiteri cittadini, presentato il mese scorso da una delle società che aveva partecipato alla gara indetta dal Comune ma risultata terza in graduatoria. Così, per non interrompere attività indispensabili come quelle che si svolgono all ' interno dei luoghi di sepoltura, gli uffici municipali hanno dovuto percorrere la strada della proroga tecnica fino all ' estate all ' azienda che finora si è occupata dei cimiteri. Che poi è la medesima che ha presentato ricorso al tribunale amministrativo regionale per far presente alcune obiezioni sull ' esito della gara. Ad aggiudicarsi l ' appalto per i prossimi tre anni - del valore di circa 700mila euro - era stata un ' azienda che ha sede in provincia di L ' Aquila, che aveva offerto un ribasso tale da far spendere al Comune poco meno di 550mila euro. Questo almeno il risultato delle procedure di selezione messe in atto dagli uffici municipali, a cui si oppone però una delle imprese non vincenti. Da subito l ' assessore Sandro Rech aveva chiarito che il Comune non avrebbe permesso l ' interruzione dei servizi all ' interno dei cimiteri e dunque - non appena fissata l ' udienza per la discussione del ricorso - è stata stabilita la proroga che assicura la continuità almeno fino a quel momento. Allo stesso tempo l ' amministratore della giunta Cassani non ha nascosto il dispiacere per quanto accaduto. «Al Comune non interessa il nome di chi vince un appalto - aveva sottolineato - ma la qualità del servizio». La gestione in via provvisoria da qui a luglio, invece, non permette di introdurre le migliorie che Palazzo Borghi si aspettava grazie al rinnovo dell ' appalto. A partire, ad esempio, da una progettazione che permetta di dare ordine all ' area dietro il cimitero centrale di viale Milano. O la pulizia dei muri di Cajello dove, all ' interno del camposanto, ancora qualche settimana fa si vedevano imbrattamenti risalenti ai tempi in cui la parete non era inglobata all ' interno del perimetro della struttura. Di fronte alla presentazione del ricorso al Tar, nelle scorse settimane l ' amministrazione comunale aveva dovuto ricorrere a un avvocato cui affidare la difesa delle parti del municipio, convinta di essere nel giusto. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: Si è aggiudicata i lavori un ' azienda che ha sede in provincia di L ' Aquila