scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
23/03/2021

«Riconosciuto il danno erariale Ma l’errore è stato della giunta»

QN - La Nazione

La sentenza della Corte dei Conti
COREGLIA In rientro nelle casse del comune di Coreglia Antelminelli la somma di 12mila euro, grazie a una sentenza della Corte dei Conti che ha riconosciuto il danno erariale in una procedura amministrativa. Dichiarato responsabile, l'ingegnere ex capo dell'ufficio tecnico comunale. Dopo poco più di due anni dall'esposto inviato dal consigliere del gruppo di minoranza «Un futuro per Coreglia», Piero Taccini (foto), che riteneva di avere riscontrato presunte irregolarità nella documentazione relativa alla nuova scuola del capoluogo, arriva la sentenza. Era il 20 gennaio 2018, ricorda oggi lo stesso Taccini, rievocando i fatti che avevano portato alla presentazione dell'esposto. «La ditta vincitrice della gara di appalto per la scuola, giunta a circa metà dei lavori, dichiarò fallimento. La ditta lucchese, giunta seconda in quella gara, si propose per terminare il progetto allo stesso ribasso della ditta vincitrice, ma l'amministrazione Amadei, allora in carica, deliberò affinché venisse indetta una nuova gara. L'ingegnere del Comune di Coreglia Antelminelli, responsabile di quei lavori, mise in atto quanto la giunta comunale aveva deciso e indisse una nuova gara, escludendo la proposta dell'azienda lucchese. Questa scelta procurò una differenza di ribasso a danno del Comune, oggi quantificata nei 12mila euro oggetto del rimborso». Il consigliere comunale Piero Taccini, pur soddisfatto dell'esito della verifica, si dice sorpreso dalla scelta del ritenuto responsabile. «A essere condannato è stato il professionista, che decise di non avvalersi della facoltà prevista dal codice degli appalti, anziché la giunta che aveva sancito la decisione». Fio. Co.