scarica l'app
MENU
Chiudi
08/12/2019

Riaperto il vecchio ponte di Trestina

QN - La Nazione

CITTA' DI CASTELLO Rinasce il vecchio ponte a Trestina e lo fa grazie a finanziamenti sia pubblici che privati. «Con la riapertura del ponte di Trestina torna ai cittadini un patrimonio storico e affettivo importante per questa comunità, nel segno di una collaborazione tra istituzioni pubbliche e soggetti privati che è un bellissimo segnale di condivisione per il raggiungimento di obiettivi comuni»: hanno detto il sindaco Luciano Bacchetta e l'assessore Luca Secondi al taglio del nastro durante la cerimonia che si è tenuta ieri. L'ex ponte della strada provinciale 105, (della lunghezza di 52 metri e della larghezza di 4 metri), risale agli anni '50 ed era dismesso dai primi anni '90. Per la sua riqualificazione è stato seguito un iter amministrativo che ha avuto due tappe: la prima, ha visto la Provincia riaffidare la competenza sull'infrastruttura al Comune; la seconda era uno studio di fattibilità per la manutenzione del ponte e nell'emanazione da parte del Comune di un avviso pubblico per la sponsorizzazione dell'intervento da parte di privati (secondo quanto previsto dal Codice degli appalti). C'è stata quindi l'adesione di numerose aziende e professionisti che hanno reso possibile l'investimento da 30 mila euro per i materiali necessari alla riqualificazione, oltre alla redazione del progetto e alla realizzazione delle opere, effettuati a titolo gratuito. I lavori, che hanno avuto una durata di 7 mesi, hanno riguardato la rimozione della pavimentazione stradale esistente, attraverso la quale è stato possibile riportare alla luce gli antichi marciapiedi laterali. La nuova carreggiata per l'utilizzo ciclo-pedonale è ora di tre metri, inoltre c'è un impianto di illuminazione, prima inesistente. Sogepu ha contribuito all'acquisto delle forniture necessarie per i lavori e la funzionalizzazione del ponte. L'assessore Secondi ha ringraziato i 15 sponsor professionali e i 10 sponsor economici, cui si sono aggiunti Sogepu, Afor e Pro Loco di Trestina, sottolineando in particolare il lavoro di Lorenzo Mennella nella messa in rete dei privati e la generosità delle famiglie Fiorucci e Piccinelli. I nomi di quanti hanno contribuito alla manutenzione del ponte sono stampati su due cartelli collocati in corrispondenza degli accessi dell'infrastruttura. Alla cerimonia hanno preso parte autorità civili, militari e religiose, tra le quali i rappresentanti del consiglio comunale, del consiglio provinciale e del consiglio regionale oltre a tanti studenti dell'Istituto Burri e cittadini.