scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
16/03/2021

Revocate le concessioni, due stabilimenti a bando

Il Messaggero

Pronta la gara pubblica per l'affidamento: «Ma la gestione sarà soltanto di un anno»
IL PROVVEDIMENTO
Messe a bando dal Comune di Pomezia due concessioni demaniali sulla costa di Torvaianica per altrettanti stabilimenti balneari, bar e ristoranti. Si tratta di licenze decadute per morosità e sulle quali, secondo l'Ente locale, non ci sarebbero ricorsi in atto. La gestione de La Perla Nera e Cleopatra potranno dunque essere affidate a nuovi concessionari, ma solo per la prossima stagione balneare, da maggio a settembre e non fino al 2033, come invece sono in fase di rinnovo tutte le assegnazioni scadute il 31 dicembre scorso e come aveva deciso all'unanimità il consiglio comunale.
L'ITER
Quelle nuove dunque dureranno il tempo di una stagione. Tuttavia «l'amministrazione si riserva di esercitare, in relazione al singolo lotto, l'opzione di rinnovare la concessione alle medesime condizioni del contratto di concessione iniziale, di anno in anno (stagione balneare contenente il periodo maggio settembre) - scrive il dirigente al Demanio, Vincenzo Rosario Robusto - qualora si verificasse la contestuale presenza delle seguenti condizioni. Il nuovo Piano di Utilizzazione degli Arenili non sia già esecutivo e non si siano concluse, entro il mese di aprile dell'anno in corso, le procedure di affidamento ad evidenza pubblica dei lotti definiti sulla base del nuovo Pua. In ogni caso, la durata complessiva dell'affidamento in concessione dei singoli lotti non potrà superare quattro anni: un anno iniziale e fino a tre per gli ulteriori rinnovi». Il bando pubblicato dal Comune di Pomezia è molto simile per certi aspetti addirittura uguale a quelli con cui il Comune di Roma avrebbe voluto affidare la gestione delle spiagge di Ostia. Il condizionale è d'obbligo, visto che i provvedimenti sono stati impugnati al Tar Lazio dai 57 operatori balneari. Come Roma anche Pomezia ha previsto l'affidamento per solo un anno, eventualmente rinnovabile per altri tre. Non è poi ancora chiaro per quale motivo, le concessioni scadute e in regola con i pagamenti saranno rinnovate fino al 2033, mentre per le nuove sono previsti al massimo 48 mesi. E come a Ostia anche a Torvaianica i balneari si chiedono chi avrà interesse a partecipare e a investire centinaia di migliaia di euro solo per una, o al massimo quattro stagioni. «C'è il rischio che i due bandi vadano deserti dicono alcuni imprenditori gli stabilimenti abbandonati e ostaggio del degrado». Secondo il sindaco 5 Stelle Adriano Zuccalà, invece, La Perla Nera e Cleopatra sarebbero praticamente pronti per essere riutilizzati. «La messa a bando delle concessioni demaniali è un atto importante per Torvaianica dice il primo cittadino - ripristiniamo equità e legalità sulla costa rinnovando i servizi balneari. La durata, prevista per una stagione balneare rinnovabile per un massimo di tre, è legata alle caratteristiche delle strutture messe a bando, che secondo i piani economico-finanziari, permettono introiti importanti anche solo con una stagione». I nuovi gestori, insomma, non perderanno un euro. «A breve conclude Zuccalà - andranno a bando anche tutte le altre concessioni già decadute, inclusa quella dell'ex Piccolo Porto (già nella disponibilità dell'amministrazione ndr), e la tipologia delle concessioni sarà individuata proprio sulla base dell'investimento necessario sulla struttura: più si investe più sarà duratura la concessione».
Moira Di Mario
© RIPRODUZIONE RISERVATA