scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
03/08/2021

Restauro della Fusinato, rivoluzione al Tar aggiudicazione annullata e lavori a Rennova

Il Mattino di Padova - giorgio barbieri

Accolto il ricorso del consorzio che era arrivato secondo alla gara per l'appalto da 11 milioni. Rischio di ritardi per il cantiere universitÀ
Annullata l'assegnazione dei lavori di restauro dell'ex Casa dello studente di via Marzolo. Il Tribunale amministrativo del Veneto ha infatti accolto nei giorni scorsi il ricorso presentato dal Consorzio stabile Rennova che era arrivato secondo dietro al Consorzio imprenditori edili di Modena che si era quindi aggiudicato la gara d'appalto per la ristrutturazione della residenza Fusinato, destinata a diventare la nuova sede della scuola d'eccellenza del Bo, la Scuola Galileiana.I giudici amministrativi, facendo loro i rilievi del ricorrente, hanno quindi deciso di escludere dalla gara il Consorzio primo classificato e di assegnare l'appalto direttamente a Rennova dato che il contratto con l'università non era ancora stato stipulato.IL RICORSO A questo punto si dovrà capire quali effetti concreti avrà questa decisioni sui tempi dei lavori. Certamente uno stop che non farà piacere all'Ateneo che sperava non ci fossero ulteriori ritardi sulla tabella di marcia per la realizzazione dell'opera. Il ricorso era stato presentato nei giorni immediatamente successivi all'aggiudicazione dell'appalto, a marzo. All'interno dell'università si ritiene però che questo cambio dell'esito della gara non dovrebbe comportare alcun ritardo. La cifra in gioco è notevole: in questo caso si tratta di un bando che supera gli 11 milioni di euro. Per quanto riguarda questo ricorso, l'Ateneo aveva affidato l'incarico di rappresentanza legale agli avvocati padovani Nicola Creuso e Stefania Lago. IL PROGETTO Entro poche settimane dovrebbero comunque partire i lavori per rimettere in sesto una struttura dismessa e inutilizzata - salvo occupazioni - dal 2005, che potrebbe diventare il cuore del campus universitario che sorge in zona Portello, lungo le due sponde del Piovego. Il progetto per il nuovo studentato - per cui è prevista una spesa complessiva di 14, 5 milioni di euro tra spese aggiuntive e straordinarie - è ampio e ambizioso: l'intero complesso dell'ex casa dello studente verrà messo a nuovo, un edificio di sei piani e 6 mila metri quadri complessivi. i posti lettoDi questi, circa la metà saranno dedicati agli alloggi per gli studenti, che ammonteranno a 187 posti letto; 600 metri quadri saranno destinati ai servizi didattici e culturali - aule studio, laboratori e altri luoghi comuni - e 400 per servizi ricreativi come sale musica e zone ristoro. Saranno presenti anche gli spazi amministrativi della Scuola Galileiana, parcheggi e altri servizi tecnologici. Come in tutti i progetti più recenti dell'Ateneo, infine, grande attenzione sarà data all'efficientamento energetico, implementato grazie all'utilizzo di sistemi all'avanguardia. A questo punto il cantiere per il restauro del complesso universitario, con ogni probabilità, partirà al termine dell'estate. Sempre che non siano altre sorprese. --giorgio barbieri© RIPRODUZIONE RISERVATA