scarica l'app
MENU
Chiudi
07/05/2020

Respinto il ricorso per la gara d’appalto dei servizi cimiteriali presentato da cooperativa sociale

QN - La Nazione

Il Tar ha dato ragione al Comune della Spezia
LA SPEZIA Via libera del Tar ligure alla gara d'appalto dei servizi cimiteriali del Comune della Spezia. I giudici amministrativi hanno infatti respinto il ricorso di una cooperativa sociale a capo di un raggruppamento che era stato escluso dalle procedure di gara relative all'assegnazione per un biennio dei servizi nel cimitero dei Boschetti e negli altri nove cimiteri frazionali del capoluogo. Un appalto da 2,28 milioni di euro il cui iter di aggiudicazione è stato nel frattempo portato a termine dagli uffici comunali, e che è stato aggiudicato alla società uscente. La vicenda ha le sue radici all'inizio dell'anno, quando il responsabile unico del procedimento di Palazzo civico, all'esito delle verifiche di congruità dell'offerta presentata dalla cooperativa sociale - giudicata «anormalmente bassa» - ha escluso la partecipante per lo «scostamento del costo della manodopera rispetto ai minimi salariali». Un provvedimento che non è piaciuto alla coop, che ha bussato alle porte del Tar per chiedere non solo l'annullamento delle procedure di gara e del provvedimento di aggiudicazione dell'appalto, ma anche la possibile condanna al risarcimento del danno per equivalente monetario. Richieste che sono state respinte dai giudici amministrativi, che sul punto hanno sottolineato come «la notevolissima discordanza riscontrata (in relazione al costo della manodopera, ndr) pare di per sé sufficiente a legittimare il giudizio di anomalia di un'offerta alternativamente implicante la mancata garanzia di una seria esecuzione del contratto o la violazione della clausola sociale prevista dalla legge di gara». Allo stesso modo, i giudici hanno premiato la tesi dell'avvocatura civica guidata da Stefano Carrabba sottolineando la bontà delle procedure di gara e l'operato degli uffici comunali. mat.mar.