scarica l'app
MENU
Chiudi
17/11/2020

Requisiti in tasca prima di depositare la proposta

ItaliaOggi Sette - Federico Unnia

Il codice appalti impone ai concorrenti l'obbligo di possedere determinati requisiti economici e tecnici per partecipare alle gare prima di depositare la loro offerta, per garantire alle p.a. di poter interloquire in tal modo solo con soggetti idonei ad adempiere alle obbligazioni dedotte in gara. Una società, lamentando la difformità fra i mezzi e risorse indicate in gara da una concorrente (assistita dallo Studio Stefanelli & Stefanelli) poi risultata aggiudicataria e quelli effettivamente poi utilizzati in fase esecutiva, ha impugnato al Tar Milano l'affi damento di una concessione di servizi, richiedendo l'annullamento del contratto già in essere. Il giudice meneghino, con la sentenza n. 1954 del 19/10/2020, ha rigettato il ricorso. In primo luogo infatti il Tar ha chiarito come i requisiti tecnicoeconomici richiesti per l'ammissione ad una procedura di gara non possono essere confusi con «i mezzi e le risorse» indicati in offerta in quanto, mentre i primi (fatturato, esperienze pregresse ecc.) sono una pre-condizione partecipativa, i secondi invece rappresentano gli strumenti tramite cui s'adempie all'obbligazione contrattuale; di conseguenza, se i requisiti devono necessariamente essere posseduti per formulare un'offerta, i mezzi e le risorse ben possono essere acquisiti anche dopo l'aggiudicazione (ma prima dell'inizio dell'esecuzione). Da ciò ne discende che, se in fase di partecipazione vengono indicati dei mezzi specifi ci (nel caso di specie, autoveicoli con targa) che poi, in fase d'esecuzione, non vengono utilizzati, venendone messi a disposizione altri (con targhe diverse) ma del tutto analoghi (per marca e modello) a quelli offerti, ciò non rappresenta affatto una violazione delle regole di gara né, tantomeno, una falsa dichiarazione dell'aggiudicatario, in quanto l'obbligo del concessionario dev'essere di mettere a disposizione della p.a. quella «tipologia di prestazioni» (in forza della quale si è vinta la gara) e non quei specifi ci mezzi con cui si erogano dette prestazioni. In conclusione dunque «i veicoli disponibili al momento della presentazione dell'offerta devono intendersi come semplici indicatori del numero e delle caratteristiche di quei veicoli», ben potendo quindi essere sostituiti con altri, purché in grado di garantire la medesima «tipologia di prestazione» Federico Unnia © Riproduzione riservata

Foto: La sede del Tar Lombardia