scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
08/10/2021

Raccolta rifiuti alla Impregico srl

QN - Il Resto del Carlino

Aggiudicazione della gara
SANT'ELPIDIO A MARE La pratica per individuare il soggetto gestore del servizio integrato di raccolta rifiuti per i prossimi 5 anni è stata lunga e travagliata (a dir poco), ma alla fine, il risultato è stato raggiunto e, stando a quanto stabilito dalla Sua lunedì, si è aggiudicata la gara la Impregico srl, con sede a Taranto, che ha offerto un ribasso del 9,14% rispetto al valore dell'appalto principale (servizi di igiene ambientale) pari a 7 milioni 963mila euro. Nella graduatoria finale, la società tarantina, ha scalzato l'Ecoelpidiense, società di Porto Sant'Elpidio inizialmente esclusa per non aver ottemperato a disposizioni inserite nel bando in un secondo momento, poi riammessa grazie al pronunciamento del Tar: con un rialzo del 3,17%, si è classificata terza (mantenendo la posizione assegnata prima del ricorso al Tar). L'Ecoelpidiense come noto, è il gestore uscente del servizio di raccolta rifiuti a Sant'Elpidio a Mare: l'appalto era scaduto da un paio di anni (se non di più) ma trattandosi di un servizio di pubblica utilità che non poteva essere interrotto, era stato più volte rinnovato, di sei mesi in sei mesi, man mano che veniva predisposto il bando per l'appalto, che veniva modificato e corretto (un paio di volte) prima di essere pubblicato, ed espletato, da parte della Stazione Unica Appaltante della Provincia di Fermo. La comunicazione dell'avvenuta aggiudicazione alla Impregico è stata inviata anche al Comune e agli amministratori che, dopo la firma del contratto, potranno provvedere insieme alla società affidataria a dare seguito a quanto previsto nell'appalto. Oltre alla raccolta differenziata dei rifiuti, nel bando erano state inserite iniziative mirate per la pulizia del centro storico (compresa la sanificazione dal guano dei piccioni), la realizzazione di un centro del riuso, la riqualificazione del secondo ecocentro, nella zona industriale Brancadoro, a Casette d'Ete, l'acquisto di 170 cestini insieme a tutta una serie di nuovi servizi, compresi gli sfalci del verde nelle aree pubbliche, che ora dovranno essere organizzati e comunicati alla cittadinanza. m. c.