scarica l'app
MENU
Chiudi
11/12/2018

Raccolta rifiuti a Penne, nuova gara d’appalto

Il Centro

Il contratto con Ecoalba scadrà a febbraio 2019. L'assessore: va migliorata la pulizia del centro storico
di Francesco Bellante PENNE Il Comune di Penne ha indetto una nuova gara d'appalto per l'affidamento del servizio di igiene urbana per il quinquennio 2019/2024. Il contratto attualmente in vigore tra l'ente vestino e la società che si occupa del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, la Ecoalba, scadrà il prossimo 28 febbraio. Il nuovo contratto che si andrà a stipulare tramite gara impegnerà la società vincitrice dell'appalto a eseguire il servizio di raccolta porta a porta (differenziata e indifferenziata), di trasporto e smaltimento degli stessi, di pulizia, spiazzamento, lavaggio e decespugliazione delle aree pubbliche, dei tombini e delle griglie stradali, con le modalità e i tempi stabiliti nel capitanato speciale d'appalto che sarà redatto dall'area tecnica ambientale. L'appalto avrà una durata di cinque anni, dal primo marzo 2019 al 28 febbraio 2024, e un importo complessivo di 6 milioni e 200 mila euro. Il responsabile di settore del Comune di Penne, l'ingegner Piero Antonacci , ha previsto una spesa di 1 milione e 240 mila euro annui per ogni anno del servizio. L'affido dei servizi, che avverrà tramite procedura aperta, seguirà il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa, individuata sulla base del miglior rapporto qualità/prezzo. Cinque anni fa la Ecoalba, in Ati con la Sima Ecologica, entrambe di Foggia, si aggiudicò il bando per il servizio di raccolta differenziata a Penne con un'offerta di 1.349.765 euro, mentre la base d'asta, da bando, era di un milione e mezzo di euro, a ribasso. «Abbiamo da poco avviato la procedura», spiega l'assessore con delega all'Igiene urbana del Comune di Penne, Nunzio Campitelli . «Attualmente stiamo studiando le soluzioni migliori da adottare per aumentare sia la pulizia del centro storico, sia i servizi di raccolta nelle zone delle cosiddette case sparse. È fondamentale che questi due aspetti del servizio siano migliorati nei prossimi anni». Attualmente il ritiro di ogni tipologia di materiale nelle zone fuori dall'area definita urbana avviene una volta al mese e, in più di un'occasione, i cittadini si sono lamentati. Nel 2017, in base ai dati forniti dalla Regione, Penne ha raggiunto una raccolta differenziata pari al 60,12 per cento. Nel 2016 la percentuale si è aggirata attorno al 61,04 per cento. Ancora meglio è stato fatto nel 2015 quando la percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani raggiunse il 65,38 per cento. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: L'assessore Nunzio Campitelli