scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
09/09/2021

Raccolta rifiuti a due velocità

Gazzetta del Sud

Si cominciaa pensare alla gestione unica del servizio
Finora il bando non ha risentito della fusione
Benigno Lepera Dopo tre anni dalla fusione delle due cittàe dopo due anni dall' insediamento della prima Amministrazione comunale della città unica di Corigliano Rossano, finalmente il nuovo Ente potrà adottare un unico appalto per la gestione dei rifiuti essendo finora entrambi affidati ad una stessa azienda, la società Ecoross, ma con scadenze diversee modalità differenti di gestione scaturite dagli appalti assegnati dagli allora singoli comuni. Ciò sarà possibile poichéè in scadenza la fine dell' anno il contratto di appalto dell' ex comune ausonico, mentre quello del comune bizantino, già scaduto ed in precedenza prorogato,è stato rinnovato nello scorso luglio solo di un anno attraverso una gara ponte in attesa di definirne uno solo. Uno stato di cose che ha determinato inevitabilmente una dicotomia di espletamento nella raccoltae nel servizio rivolto ai cittadini delle due aree urbane.L' appalto di Corigliano prevedeva un servizio di raccolta differenziata spinto al 70 per cento, mentrea Rossanoè attivo in via sperimentale il porta a porta solo nel vasto quartiere di Donnanna. Oral' Amminist razione comunale si accingead affrontare terminie contenuti del nuovo appalto unico tenendo conto delle disposizioni in materia di percentuale di raccolta differenziata ed il tipo di servizio da offrire ai cittadini anche in termini di risparmio per il conferimento dei rifiuti da parte del comunee per gli utentivirtuosi. Ilprossimo 10settembre, infatti,è stata convocata la commissione ambiente, presieduta dalla consigliera Liliana Zangaro. All' ordine del giorno il punto «illustrazione del progetto del servizio di raccolta, trasporto, trattamentoe altri servizi di igiene urbana per il Comune di Corigliano Rossano». Conl'o ccasione Zangaro ha anticipato che alla redazione del progetto ha partecipato oltre anche la Scuola Agraria del Parco di Monza «che hanno tenuto conto della complessità del territorio». © RIPRODUZIONE RISERVATA