MENU
Chiudi
09/11/2018

«Qui non basta avere un sindaco Noi siamo i soli a poterlo salvare»

La Sicilia

Lo scambio di messaggi tra imprenditori e appaltatori che ha portato ai 6 arresti
Si chiama " Scheda grandi progetti - Hub porto di Augusta " . E ' un piano d ' insediamento infrastrutturale attraverso investimenti pubblici nazionali e comunitari. Una consistente fetta di denaro pari a oltre un centinaio di milioni che avrebbe attirato gli appetiti d ' imprenditori siracusani, pronti a mettere su un sistema illecito per pilotare gli appalti banditi dall ' autorità portuale megarese. Nel mirino della Procura aretusea sono finite 6 persone fra liberi professionisti e funzionari pubblici, per le quali il gip del tribunale, Carla Frau, ha emesso l ' ordinanza che dispone le misure cautelari. La notifica della custodia cautelare in carcere è stata notificata all ' ing. Gaetano Nunzio Miceli, socio dello studio di progettazione Tcnass srl e ritenuto il regista di tutte le operazioni, mentre sono stati destinati agli arresti domiciliari altri due soci dello stesso studio, i fratelli Giovanni (attuale coordinatore dell ' Udc) e Pietro Magro. Sono stati raggiunti dallo stesso provvedimento anche l ' ing. Giovanni Sarcià e il geometra Venerando Toscano, entrambi funzionari dell ' autorità portuale di Augusta, e l ' ing. Antonino Sparatore, già commissario di gara. E ' scattata l ' interdizione per 6 mesi nei confronti dell ' ing. Salvatore La Rosa, consulente dell ' autorità portuale, e per 12 mesi nei confronti dell ' ing. Francesco Patania, commissario di gara. Le accuse, a vario titolo, riguardano i reati di corruzione per atto contrario ai doveri d ' ufficio e di turbata libertà degli incanti. L ' operazione, denominata " Port utility " , risale al 2015 ed è stata portata a termine dal nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di finanza di Siracusa, con il coordinamento del pm Tommaso Pagano. Secondo quanto emerso dalle indagini i bandi e i disciplinari di gara non venivano direttamente predisposti dai funzionari dell ' autorità portuale, ente appaltante, bensì da professionisti titolari della società di progettazione siracusana. In cambio del loro servigio, alcuni commissari di gara, dopo aver svolto l ' incarico di componente della commissione aggiudicatrice, ricevevano incarichi di consulenza dalla stessa società che si era aggiudicata l ' appalto. Ci sarebbe più di una relazione tra i 3 professionisti titolari della società di progettazione e i 2 funzionari dell ' Apa, addetti alle procedure di evidenza pubblica. In buona sostanza, i privati ideavano i bandi e i disciplinari di gara, mentre i responsabili unici del procedimento si limitavano alla stampa e alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Sotto altro profilo è emerso che l ' illecito condizionamento delle procedure era preordinato alla pilotata aggiudicazione dell ' appalto a soggetti economici con i quali i titolari dello studio di progettazione avevano già concluso accordi preventivi finalizzati a trasferire agli stessi importanti quote di utili, attraverso apposite consulenze. In un ' intercettazione telefonica, uno degli appaltatori, sfogandosi con un ' amica, spiega di essere stato chiamato a fare parte della commissione e che, dopo avere preso i lavori «i soldi che io ho preso, il 95% glieli ho dovuti tornare a Malta. La verità ... no, la verità tutto dalla a alla z quello che è successo». Uno dei soci della Tecnass, scrive a un interlocutore straniero tramite whatsapp: «Il territorio da noi è una cosa seria ... se non lo conosci fai la fine del marchese ... sono convinti che basti avere un sindaco e un onorevole e la cosa è fatta. Non è così ... e lo dimostreremo sempre. Bisogna mettersi nelle mani giuste ... le nostre mani sono preziose». L ' interlocutore risponde: «Potrei chiamare a John per dirgli che possiamo aiutarlo ... ». Pronta la replica del professionista: «Siamo i soli a salvarlo ... garantito! Ma ci vuole un contratto di consulenza ed assistenza a Te ... e poi ci muoviamo ... ci pagano solo a risultato acquisito». Per gli inquirenti queste conversazioni rappresentano la dimostrazione di un collaudato sistema che ha portato gli stessi professionisti ad assicurarsi " consulenze " per quasi 8 milioni di euro, da incassare dai vincitori delle milionarie gare d ' appalto. Per la gestione dei contratti di consulenza i tre professionisti avevano anche creato alcune società di diritto maltese. «Queste - spiega il procuratore Fabio Scavone però sono risultate strumentalmente utilizzate solo per incassare i relativi compensi. Infatti, all ' esito delle rogatorie internazionali, le società straniere sono risultate prive di effettiva operatività e preordinate all ' illecito sistema». I due funzionari dell ' Autorità Portuale, incaricati di gestire le gare di appalto, avrebbero incassato circa 500 mila euro ciascuno a titolo d ' incentivi per le relative attività d ' istituto. Come dimostrato dalle indagini, queste attività sono state in realtà svolte dai tre professionisti titolari dello studio di progettazione. «Nei personal computer in uso ai privati - afferma il comandante della guardia di finanza, Luca De Simone - è stata, infatti, rinvenuta documentazione di quasi tutte le gare di appalto bandite, nonché diversi atti dell ' Autorità Portuale. L ' indagine tecnica sui computer ha poi acclarato che lo studio di progettazione aveva stipulato accordi con le imprese che avrebbero vinto gli appalti ancor prima che venisse pubblicato il bando di gara. Inoltre gli stessi indagati, sentiti sul punto, hanno ammesso che gli atti di gara erano stati predisposti da mano privata». FRANCESCO NANIA ALTRO SERVIZIO A PAG. 8

I soldi che io ho preso, il 95% glieli ho dovuti tornare a Malta... È la verità

"

isogna mettersi nelle mani giuste ... le nostre mani sono preziose


Foto: GLI ARRESTATI La notifica della custodia cautelare in carcere è stata notificata all ' ing. Gaetano Nunzio Miceli, socio dello studio di progettazione Tcnass srl, mentre sono stati destinati agli arresti domiciliari altri due soci dello stesso studio, i fratelli Giovanni e Pietro Magro.

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore