scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
14/09/2021

Quanto valgono i collegamenti tra Venezia e l’aero…

La Nuova Venezia - roberta de rossi

Quanto valgono i collegamenti tra Venezia e l'aeroporto Marco Polo? Almeno 178 milioni di euro in nove anni: poco meno di 20 milioni l'anno. Questo, infatti, il valore degli incassi stimato nel primo bando pubblico per l'assegnazione ufficiale ai privati di un pezzo importante dei trasporti pubblici lagunari: sinora, infatti, Alilaguna ha operato su assegnazione diretta, come sta avvenendo in questi mesi anche per le corse di linea supplettive per Avm-Actv. Èd è accesa battaglia legale per la conquista della concessione. L'Ente di governo del trasporto pubblico locale del bacino di Venezia (di cui fanno parte i Comuni di Venezia e Chioggia e la Città metropolitana) ha lanciato il bando nell'ormai lontano 2016. Dopo un iter lunghissimo, a primavera di quest'anno - con determina dirigenziale 1040 del 25 maggio Città di Venezia - la commissione ha assegnato la gara ad Alilaguna, in raggruppamento con Terminal Fusina Venezia. Secondo classificato, il gruppo di ferry Caronte&Tourist Spa, che non è certo rimasto a guardare: si è affidato allo studio legale Cintioli&associati ed ha presentato ricorso al Tribunale amministrativo del Veneto, contestando i criteri di valutazione nella concessione dei punteggi. Immediato il contro-ricorso di Alilaguna, con gli avvocati Guzzardi e Falcon, sostenendo che Caronte&Tourist non abbia né titoli né barche pronte.Primo round per la società messinese. Nei giorni scorsi, i giudici del Tar hanno ordinato all'Ente di non sottoscrivere il contratto con Alilaguna-Terminal Fusina Venezia, in attesa che «le complesse questioni sollevate con il ricorso introduttivo e con il ricorso incidentale» possano essere valutate nel merito e non «con il carattere di sommarietà che caratterizza la fase cautelare». Udienza di merito fissata in tempi brevi, per il 1 dicembre.Il collegamento tra Venezia e il suo aeroporto è una partita molto ghiotta, tanto che - in quest'estate torrida sul fronte dei trasporti pubblici - sindacati e opposizioni hanno chiesto che un servizio turistico di così grande valore sia gestito direttamente dal pubblico, da Avm-Actv. In ballo 816 mila chilometri e 78 mila ore di moto l'anno. In attesa della decisione del Tar, il servizio continuerà ad essere gestito da Alilaguna, che nel 2019 - commenta il presidente Fabio Sacco - ha registrato ricavi dalla vendita biglietti per 27 milioni di euro, «scesi a circa 6 milioni nel primo anno del Covid e quest'anno più bassi, perché l'aeroporto sta operando ancora al 20-25 per cento». Quanto alla posizione del Comune, l'assessore alle Partecipate Michele Zuin chiarisce che «i 178 milioni del bando sono i costi del servizio e non è previsto alcun corrispettivo a carico del Comune o della Regione/Stato. Il servizio si regge solo sulle tariffe. Anzi vi è l'obbligo per Alilaguna di pagare un canone al Comune. Più o meno come le attuali "quotine" che Alilaguna ci paga: circa 800 mila euro anno». «Un milione», puntualizza Sacco. «Sui criteri di valutazione o punteggi», conclude Zuin, «non spetta di certo alla politica commentare ed entrare nel merito dei bandi». roberta de rossi© RIPRODUZIONE RISERVATA