scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
16/02/2021

Pubblica amministrazione, l’ offensiva dei Pm nel Paolano

Gazzetta del Sud

Inchieste con arrestie perquisizioni condottea Longobardi, Amantea, Belvederee Scalea
I magistrati orientatia dimostrarel' esistenza nell' Alto Tirreno di un' associazione segreta capaced' interferire negli appalti Candidata indotta a ritirarsi da una lista: il TdL di Catanzaro ha scarcerato ex consigliera comunale
Mirella Molinaro LONGO BARDI Rapporti tra imprenditoriae politica, ma anche la gestione degli appalti. Sono questii temi caldi sui quali la Procura di Paola (guidata da Pierpaolo Bruni) sta lavorando intensamente soprattutto alla luce degli ultimi risvolti investigativi. A Longobardi, un paesino di circa 2500 abitanti, una settimana fa gli ufficiali di polizia giudiziaria hanno bussato alla porta di una consigliera comunale, di una ex amministratrice e del marito, ma anche di imprenditori, di un responsabile comunalee di due privati cittadini. Qui, le indagini del pm Maurizio De Franchis hanno cercato di fare luce su quanto accaduto durante le elezioni amministrative del 2019. Secondol' accusa, una donna sarebbe stata minacciata affinché non si candidasse alle elezioni nella lista avversariaa quella sostenuta dal suo datore di lavoro altrimenti avrebbe perso il lavoro. Tuttoè iniziato dalla denuncia di uno dei candidati in quella lista. Ma in questo caso gli accertamenti della polizia giudiziaria hanno portatoa scoprire altre ipotesi di reato. Gli indagatiavrebbero anche commesso illeciti (alcuni nel loro ruolo di amministratorio di funzionari comunali) per aiutare amicio conoscenti. Si tratta, ovviamente, di ipotesi di reato ancora tutte da provaree che, nel caso di due degli indagati, per il momento sono state anche bocciate dal Tribunale della Libertà. Alcuni giorni dopo questo blitz, ancora una volta la Procura di Paola " interviene" sulla gestione degli appalti ad Amantea: qui un imprenditoreè stato sospeso dall' esercizio della propria attività perché, in concorso con un ex dipendente del Comune, avrebbe omesso di essere indagato in un altro procedimento penale (inchiesta" Mult iservizi") ottenendo così un appalto di oltre 150 mila euro per eseguirei lavori per il porto turistico di Amantea.È proprio sul complesso rapporto tra amministratori pubblici e gestione degli appalti che siè concentrata la recente inchiesta del procuratore Bruni dove, addirittura, spuntal' ombra della Massoneria deviata. Nelle scorse settimane, il lavoro dei magistrati Maria Francesca Cerchiarae Antonio Lepre ha ipotizzato l' esistenza di un «cartello» di professionisti, amministratorie imprenditori dell' Alto Tirreno che,a vario titolo, avrebbero pilotatoe condizionato importanti appalti pubblici sull' Alto Tirreno cosentinoe anche in alcuni comuni della Basilicata. Ma, in questo caso, tre degli indagati (professionisti molto conosciutie anche un consulente comunale) sono accusati di aver violato la Legge Anselmi, quella che vietal' appartenenza alle logge massoniche coperte.I professionisti non hanno negato la regolare iscrizione alla Gran Loggiad' Italia, Obbedienza di Piazza del Gesù, respingendo ovviamente ogni accusa contestata. Mentre le indagini qui proseguono alla ricerca di riscontri, intanto gli avvocati sono al lavoro per dimostrarel' innocenza dell' ex sindaco di Scalea, Mario Russo, da circa due mesi in carcere perché finito in un' altra complessa inchiesta della Procura che ha coinvolto anche altri amministratorie insospettabili coinvolti nel rilascio di falsi certificati medici per patentie invalidità. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Le indagini su Cetraro

l Proseguono anche le indagini nell' inchiesta che ha coinvolto il direttore sanitario dello spoke Paola-Cetraro, Vincenzo Cesareo, e altre cinque persone, tra cui il figlioe il nipote del dirigente medico. Cesareo, un mese fa,è stato interdetto dai pubblici uffici per un anno perché nei suoi confronti pendono diverse accuse, compresa quella di peculato. Numerose intercettazioni" rac contano" che ha utilizzato «in modo spregiudicatoe quotidiano» l' auto di servizio per uso personale. Un Gps, collocato nella Panda dell' Asp, lo ha beccato mentre si recava all' Ikea di Salerno con la sua compagna, mentre passeggiava con un' amica, mentre comprava salumie formaggi, oppure mentre faceva shoppinga Cosenza. Anche qui,è ancora tutto da dimostrare.

Foto: Indagini accurate La Finanza sta operando lungo la fascia tirrenica cosentina con grande determinazione insieme coni carabinieri esaminando decine di atti