scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
05/10/2021

Psichiatria congelata «Ma non chiuderà»

QN - Il Giorno

Melzo
MELZO «La psichiatria di Melzo non chiude, la sospensione del servizio sarà quanto più breve possibile». A pochi giorni dal presidio melzese davanti all'ospedale Santa Maria delle Stelle note ufficiali di tenore "rassicurante". Una, a marchio Lega Nord, reca la firma della presidente dell'assemblea dei sindaci Elisa Balconi, del consigliere regionale componente della commissione sanità al Pirellone Riccardo Pase e del segretario provinciale Mauro Andreoni. L'altra è siglata dal sindaco melzese Antonio Fusè, che ribadisce: «Abbiamo avuto garanzia di un ripristino del servizio entro pochi mesi: ci aspettiamo che la promessa venga mantenuta, e manteniamo aperto il dialogo con i vertici ospedalieri». Così il Carroccio. «Quando è emersa questa notizia ci siamo mossi immediatamente - spiega Pase - con i vertici dell'Asst. Che ci ha confermato che non si tratta di un'operazione di chiusura. Dall'inizio dell'anno ad oggi 7 medici sono andati via, l'azienda si è trovata ad affrontare una grave carenza di personale. È in corso un bando cui hanno partecipato 9 medici e si spera di poter reintegrare il personale necessario per ripristinare il servizio, comunque solo sospeso». Dito puntato contro «tentativi di strumentalizzazione politica, di molti sindaci e del Pd». «Il bando - precisa la Balconi - si chiuderà il 15 ottobre, hanno presentato domanda una decina di professionisti. Se idonei entreranno subito in servizio». La preoccupazione per l'esodo di camici dalla psichiatria era già stata espressa dal sindaco Fusè a fine settembre. «Già allora - spiega - avevo avuto assicurazione dal Direttore Generale che si tratta di una sospensione e che in pochi mesi sarà ripristinato il servizio. Confido in rapide novità positive».M.A.