scarica l'app
MENU
Chiudi
28/04/2020

Provinciale più larga, a misura di pedone

La Prealpina

In via Repubblica sarà ampliata la carreggiata e realizzato un marciapiede
CUASSO AL MONTE - Sarà messo in sicurezza un tratto della strada provinciale che attraversa il paese, nella frazione Cuasso al Piano. È un intervento atteso e sollecitato dai residenti per i rischi che corrono di essere urtati dalle auto in transito. L ' assessore Alberto Bini dice: «Sarà interessato ai lavori un tratto di circa 250 metri di via Rep ubblica, che dalla località Valletta scende fino alla strettoia tra le case. È prevista la modifica della curva e del calibro stradale, ma anche la realizzazione di un marciapiede. Si tratta di un ' opera di fondamentale importanza per la sicurezza, sia per il traffico veicolare sia per i pedoni. L ' allargamento della carreggiata favorirà l ' incrocio tra i veicoli. L ' intervento interessa tutti i cuassesi perché anche chi abita nelle frazioni a monte percorre frequentemente questo tratto. Ora se si incrocia un pullman od un camion si è costretti a retrocedere in curva». Bini precisa: «Il marciapiede sarà realizzato sul lato sinistro per chi scende verso il centro storico di Cuasso al Piano dalla deviazione per San Salvatore sino alla via delle Rose, mentre il tratto restante verrà realizzato sulla destra. È previsto, altresì, l ' arretramento e l ' abbassamento del muro di recinzione esistente sul lato destro, nel tratto in curva, in modo da favorire la visibilità». Per la pavimentazione del marciapiede si è deciso di utilizzare cubetti di porfido rosso, pietra tipica di Cuasso che viene estratta dalla cava esistente in paese. Il progetto ha ottenuto l ' autorizzazione paesaggistica e il parere favorevole della Provincia. A lavori completati sarà valutata l ' opportunità di regolare il traffico nella restante strettoia in discesa con l ' installazione di un semaforo. Per realizzare l ' opera sarà necessario procedere all ' acquisizione di terreni privati. L ' amministrazione comunale ha già chiesto ed ottenuta la disponibilità dei proprietari, che hanno aderito alla cessione, chi in forma di donazione gratuita e chi a fronte di un corrispettivo economico proporzionato al valore del terreno. Saranno a carico del Comune tutte le spese notarili, le tasse e le opere di ripristino e rifacimento delle recinzioni esistenti. Bini aggiunge: «Il progetto, approvato alla fine dell ' anno scorso, prevede una spesa totale di 325.000 euro, finanziata per l ' importo di 250.000 euro con un mutuo acceso dal Comune presso la Cassa Depositi e Prestiti e per i restanti 75.000 euro con un contributo della Comunità montana del Piambello. Sono iniziate le procedure di gara per la scelta dell ' impresa che eseguirà i lavori, affidate alla centrale unica di committenza dell ' ente montano. I tempi burocratici, già di per sé lunghi per l ' applicazione delle norme sugli appalti, hanno subìto un ' imprevista sospensione a causa delle proroghe dovute all ' emergenza sanitaria per il Covid-19. Si può ragionevolmente prevedere che i lavori possano iniziare a giugno ed essere portati a termine nella primavera del 2021». Roberto Sala © RIPRODUZIONE RISERVATA