scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
20/07/2021

Protesi, stop alle mini gare dell ‘ Asl torna la libera scelta del paziente

La Gazzetta Del Mezzogiorno

I CONTENUTI PER MESI I MANIFESTANTI HANNO CHIESTO MODIFICHE. ORA C ' È UNA DETERMINA DIRIGENZIALE
TARIFFARIO Era in corso il confronto con le Sanitarie: ora ok ai prezzi di Taranto
l Le associazioni dei disabili sono soddisfatte. Secondo il loro punto di vista, la Regione ha accolto tutte le loro richieste. Dei progetti di vita indipendente abbiamo già detto nell ' altro articolo, sebbene ci sia no anche altri particolari da aggiungere, ad esempio riguardo alla preparazione di progetti da presentare. «Avevamo chiesto - è scritto in un comunicato - l ' abolizione del 7% da destinare agli enti accreditati dalla Regione per le spese di consulenza e progettazione, abbiamo ottenuto la non obbligatorietà. L'interessato può quindi scegliere se farsi seguire o meno nella costruzione del progetto e nella sua presentazione, che potrà essere cartacea oppure on line. In più saranno preparati dei tutorial». GLI ALTRI PUNTI - Per mesi i manifestanti non erano riusciti a sfondare (già la scorsa estate c ' erano state delle mobilita zioni). Poi, un mese fa (il 15 giugno), nel contesto di un ' altra protesta in piazza, è avvenuto un incontro apparentemente risolutivo. «Le istanze - spiegano le associazioni - erano state accolte in un verbale firmato dai rappresentanti istituzionali, ma successivamente non sono state recepite né attuate, nonostante i falsi proclami di qualcuno. Questa settimana ci siamo rifiutati di sedersi ancora una volta a tavoli tecnici inconcludenti fino alla svolta di venerdì sera. Finalmente ora, con la determina inviata, tutte le Asl pugliesi adotteranno, sul fronte degli ausili protesici, un accordo quadro regionale facendo riferimento alla procedura di acquisizione in vigore a Taranto, senza più gare d'appalto al ribasso così come richiesto dalle associazioni. Inoltre, ci sarà l ' in tegrazione di unità infermieristiche in tutte le Asl (210 unità) anche attraverso in mobilità interna per far fronte alle necessità di assistenza domiciliare della popolazione con disabilità. Se i bandi di mobilità non andranno a buon fine arriveranno gli ordini di servizio. Per il resto, il caregiver finalmente può e deve presenziare in occasione dell ' Uvm (l ' Uni tà di valutazione multidisciplinare è lo strumento operativo che garantisce l ' integrazione della rete dei servizi sanitari, socio-sanitari e socio-assistenziali a livello territoriale: un ' équipe professionale con competenze multidisciplinari rileva e classifica le condizioni di bisogno per poter disegnare il percorso ideale di trattamento del paziente - n.d.r.). Infine, in tutte le Asl pugliesi non vi sarà più l ' obbligo per il caregiver di presenziare nel domicilio dell'assistito durante le ore assistenza domiciliare integrata. Circa il contributo Covid, o assegno di cura, c ' è l ' impegno a finan ziarlo fino al 31 dicembre con coperture inserite nella manovra di assestamento del bilancio di settembre. Per il futuro i beneficiari non saranno più sottoposti a ulteriore valutazione sanitaria. Il prossimo bando per assegno di cura sarà pronto entro fine ottobre con pagamento a decorrere dal gennaio del 2022. Sarà un bando sempre aperto e triennale. Resteremo comunque vigili affinché questa volta nessuno rinneghi quanto concordato». [g.f.c.]

Foto: DIALOGO Una disabile con Lopalco e Barone