scarica l'app
MENU
Chiudi
09/12/2019

Proprietà intellettuale, 50 mln per le pmi e gli enti di ricerca

ItaliaOggi Sette - ROBERTO LENZI

Operativi i bandi Mise che agevolano la valorizzazione di brevetti, marchi e disegni
Sono cinque i bandi per la valorizzazione di brevetti, marchi, disegni e per il trasferimento tecnologico delle attività di ricerca e sviluppo che il ministero dello sviluppo economico ha pubblicato a favore delle imprese e degli enti di ricerca. Le risorse fi nanziarie disponibili sono circa 50 milioni di euro e si pongono l'obiettivo di facilitare e promuovere la brevettabilità delle innovazioni. Diventano fi nalmente operativi i bandi per la proprietà intellettuale dopo che il decreto legge «Crescita» aveva definito la stabilizzazione di questi strumenti. L'uffi cialità arriva grazie alla pubblicazione di appositi comunicati sulla Guri n. 283 del 3 dicembre 2019. Bando disegni+, possibile acquistare anche stampi e prototipi. Supportare le imprese di micro, piccola e media dimensione nella valorizzazione di disegni e modelli attraverso agevolazioni concesse nella forma di contributo in conto capitale è l'obiettivo dell'iniziativa Disegni+4. Oggetto dell'agevolazione è la realizzazione di un progetto fi nalizzato alla valorizzazione di un disegno/modello, così come defi nito dal Codice della Proprietà Industriale. Sono ammissibili alle agevolazioni le imprese che, alla data di presentazione della domanda di agevolazione, abbiano una dimensione di micro, piccola o media impresa, e sede legale e operativa in Italia. Le imprese devono risultare regolarmente costituite, iscritte nel Registro delle imprese e attive. Per accedere al bando, dovranno dichiarare di non essere in stato di liquidazione o scioglimento e non essere sottoposte a procedure concorsuali, oltre che non avere nei propri confronti cause di divieto, di decadenza o di sospensione di cui all'art. 67 della vigente normativa antimafi a. I benefi ciari del contributo devono essere titolari dei disegni/modelli registrati oggetto del progetto di valorizzazione; questi ultimi devono essere stati registrati a decorrere dal 1° gennaio 2018 e comunque in data antecedente la presentazione della domanda di agevolazione ed essere in corso di validità. Non possono inoltre essere ammesse alle agevolazioni le imprese che abbiano procedimenti amministrativi in corso connessi ad atti di revoca per indebita percezione di risorse pubbliche. Saranno oggetto di agevolazione le spese che attengono allo specifi co disegno/modello e al suo ambito di tutela cioè «all'aspetto dell'intero prodotto o di una sua parte quale risulta, in particolare, dalle caratteristiche delle linee, dei contorni, dei colori, della forma, della struttura superfi ciale ovvero dei materiali del prodotto stesso ovvero del suo ornamento». Il disegno/modello, come sopra definito, può essere oggetto di una sola domanda di agevolazione; potrà essere agevolata una sola domanda per impresa. Il progetto deve essere concluso entro nove mesi dalla notifica del provvedimento di concessione dell'agevolazione (termine prorogabile di 3 mesi, dietro istanza motivata). Ammesse le spese successive al 3 dicembre 2019. Saranno riconosciute ammissibili le spese per l'acquisizione dei servizi specialistici esterni sostenute successivamente alla data di registrazione del disegno/modello e in ogni caso non antecedenti alla data del 3 dicembre 2019. In relazione al suddetto progetto, l'impresa può richiedere un'agevolazione per le spese sostenute per l'acquisto di servizi specialistici esterni ad esso funzionali, suddivisi nelle fasi di seguito descritte. Per accedere all'incentivo, il progetto può prevedere alternativamente la Fase 1 o la Fase 2 o entrambe. La fase 1 «produzione» è destinata all'acquisizione di servizi specialistici esterni volti alla valorizzazione di un disegno/ modello per la messa in produzione e l'offerta sul mercato di nuovi prodotti a esso correlati. Sono ammissibili le spese sostenute per l'acquisizione dei seguenti servizi: ricerca sull'utilizzo dei nuovi materiali, realizzazione di prototipi, realizzazione di stampi, consulenza tecnica per la catena produttiva finalizzata alla messa in produzione del prodotto/disegno, consulenza tecnica per certifi cazioni di prodotto o di sostenibilità ambientale, consulenza specializzata nell'approccio al mercato (es. business plan, piano di marketing, analisi del mercato, ideazione layout grafi ci e testi per materiale di comunicazione offl ine e online) strettamente connessa al disegno/modello. La fase 2 «commercializzazione» è destinata all'acquisizione di servizi specialistici esterni volti alla valorizzazione di un disegno/modello per la commercializzazione del titolo di proprietà industriale. Sono ammissibili le spese sostenute per l'acquisizione dei seguenti servizi: consulenza specializzata nella valutazione tecnico-economica del disegno/modello, consulenza legale per la stesura di accordi di licenza del titolo di proprietà industriale, consulenza legale per la tutela da azioni di contraffazione. Sono in ogni caso escluse le spese per l'acquisizione di servizi prestati da imprese che si trovino in rapporto di controllo/collegamento con l'impresa richiedente, prestati da amministratori o soci dell'impresa richiedente o loro prossimi congiunti, nonché prestati da società nella cui compagine sociale siano presenti amministratori o soci dell'impresa richiedente. Contributo a fondo perduto dell'80%. Le agevolazioni sono concesse nella forma di contributo in conto capitale per la realizzazione del progetto, in regime «de minimis», in misura massima pari all'80% delle spese ammissibili e nel rispetto di importi massimi previsti per ciascuna fase e per ciascuna tipologia di spesa secondo i prospetti riportati in tabella. Le agevolazioni non sono cumulabili, per le stesse spese ammissibili, con altri aiuti di Stato o aiuti concessi in regime «de minimis». È tuttavia consentito il cumulo con aiuti in forma di garanzia, nel rispetto delle regole europee sul cumulo. Nel limite del 100% delle spese effettivamente sostenute, le agevolazioni sono fruibili unitamente a tutte le misure di carattere generale, anche di carattere fi scale, che non sono da considerare aiuti di Stato e non concorrono pertanto a formare cumulo. Click-day al 27 febbraio 2020. Le domande potranno essere presentato sul sito www.disegnipiu4.it a partire dalle ore 9,00 del 27 febbraio 2020 e fi no ad esaurimento delle risorse disponibili. Le risorse disponibili per l'attuazione del bando ammontano complessivamente a 13 milioni di euro; le imprese con rating di legalità hanno a disposizione una riserva pari al 5% dei fondi. Requisiti e limiti per fase del progetto Fase 1 - Produzione: l'importo massimo dell'agevolazione è di 65 mila euro Tipologia di spesa Ricerca sull'utilizzo dei nuovi materiali Realizzazione di prototipi Realizzazione di stampi Consulenza tecnica per la catena produttiva fi nalizzata alla messa in produzione del prodotto/disegno Consulenza tecnica per certifi cazioni di prodotto o di sostenibilità ambientale Consulenza specializzata nell'approccio al mercato (es. business plan, piano di marketing, analisi del mercato, ideazione layout grafi ci e testi per materiale di comunicazione offl ine e online) strettamente connessa al prodotto/disegno Consulenza specializzata nella valutazione tecnico-economica del disegno/modello Consulenza legale per la stesura di accordi di licenza del titolo di proprietà industriale Consulenza legale per la tutela da azioni di contraffazione Importo massimo € 5.000,00 € 15.000,00 € 40.000,00 € 10.000,00 € 5.000,00 € 10.000,00 Fase 2 - Commercializzazione: l'importo massimo dell'agevolazione è di 10 mila euro Tipologia di spesa Importo massimo € 5.000,00 € 2.500,00 € 2.500,00