MENU
Chiudi
15/09/2018

Pronta a un nuovo ricorso la ditta Gsa

La Prealpina

SERVIZI ANTINCENDIO
L ' ospedale: il Consiglio di Stato dice che la gara è corretta Non è ancora finita la diatriba fra Gsa ed Elisicilia per l ' appalto che garantisce ronde di controllo a tutela degli ospedali del territorio, sul fronte antincendio. Una diatriba che rischia di lasciare senza lavoro 38 persone. «Prendiamo atto dell ' ordinanza emessa dal Consiglio di Stato il 7 settembre, che di fatto legittima la gara d ' appalto compiuta e che affida il servizio ad Elisicilia - spiega Marco Passaretta, direttore amministrativo dell ' Asst Valle Olona - Dice che noi come stazione appaltante abbiamo agito in modo corretto». Ma ora il personale potrebbe essere assunto da Elisicilia? «Nostro interesse è avere il servizio migliore alle condizioni economiche migliori. L ' esigenza di continuità appare evidente, ma non possiamo imporre alcuna assunzione alle ditte». L ' appalto vale 6 mesi, rinnovabile automaticamente. Un anno di lavoro. Ma adesso si prospettano altri ricorsi da parte di Gsa, che risulta esclusa: il 18 dovrà lasciare l ' ospedale di Saronno, il 20 quello di Busto e le altre sedi della zona. «Due imprese - dice Passaretta cercano di avere ragione, a noi interessa il servizio. Sono operatori tecnici che hanno svolto un corso di qualificazione con vigili del fuoco o altri addetti antincendio qualificati, hanno effettuato un esame dai pompieri. Non ce ne sono tantissimi sulnostro territorio.Avevamo tentato di organizzarci autonomamente, integrando le squadre con lavoro interinale, ma faticavamo a reperire personale qualificato. In precedenza il Consiglio di Stato ha sospeso ogni cosa, in attesa di pronunciarsi. L ' ordinan za cambia le cose». A esprimere la posizione di Gsa e dei pompieri che restano a casa è l ' avvoca to Luca Mazzeo, con il collega Luca De Paolis pronto a un ulteriore ricorso. «L ' ordinanza - spiega - dice che, poiché si è di fronte a un contrasto di giurisprudenza, per ora il Consiglio di Stato non sospende gli atti della gara, ma lascia alla stazione appaltante come proseguire, mentre si prospetta una udienza pubblica entro fine anno». Quindi è una scelta dell ' Asst? «Aveva due opzioni: mantenere Gsa o far entrare Elisicilia. Ha voluto dar seguito alla gara sub iudice cheè al massimoribasso, Elisicilia non riesce a rispettare la clausola di salvaguardia occupazionale. Con un prezzo molto basso non riesce a mantenere i trattamenti salariali in corso. Ormai è una guerra di principio, Asst spera che fra tremesi il Consigliodi Stato ledia ragione, noi speriamo il contrario, perché i 38 lavoratori sono disperati». A .G. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore