MENU
Chiudi
24/09/2018

Progetto della rotatoria all’Anas la gara d’appalto entro 45 giorni

Corriere Adriatico

Il consiglio comunale di Loreto è convocato per giovedì prossimo alle ore 18.30 nella sede municipale
I LAVORI
OSIMO Con l'hastag «azioni concrete per Osimo stazione» il sindaco Simone Pugnaloni ieri ha annunciato che la rotatoria lungo la statale Adriatica sarà presto appaltata, mentre i pannelli cattura polveri sottili sono stati inviati alle scuole della frazione e il parco urbano completerà a breve i lavori per tremila nuove piante che ridaranno ossigeno alla zona dove il traffico è spesso caotico.
Le richieste
Tre passi verso quelle richieste insistenti giunte negli ultimi tempi dai residenti, alcuni dei quali riuniti nel comitato Ambiente e Salute capitanato dalla consigliera latiniana Monica Bordoni. Sulla rotatoria che sostituirà l'incrocio semaforico tra la Ss16, via Flaminia I e via Camerano, Pugnaloni ha rivelato con un lungo post domenicale su Facebook che ha consegnato il progetto esecutivo nei giorni scorsi. «Ad Anas - scrive il sindaco - ho chiesto di aiutarci ad arrivare in fondo al percorso di realizzazione della rotatoria più celermente possibile. Di persona ho assistito alla consegna ed al timbro di protocollo del progetto esecutivo della rotatoria».
Il primo cittadino ricorda che era il 2015 quando il Comune, una volta vendute le azioni Conerobus, bussò alla porta di Anas con denaro fresco e progetto alla mano per realizzare la rotatoria. Anas però disse che la proprietà dell'area era sua e dunque il Comune avrebbe al massimo potuto contribuire sottoscrivendo una convenzione. «Dopo diversi anni, seguito in prima persona il complesso iter, sembra ora ad un passo la conclusione delle pratiche burocratiche che ci condurranno alla gara d'appalto» annuncia il sindaco.
Un'opera da 759 mila euro, cofinanziati anche da Anas come da protocollo, che andrà in gara entro 45 giorni dalla consegna dei documenti che dovranno essere ora validati da Anas Centro Italia e dal Ministero che autorizzerà il cofinanziamento. «Avevo annunciato che con l'anno nuovo sarebbero iniziati i lavori, siamo in linea con il crono-programma» assicura Pugnaloni. E ai residenti della frazione che fremono, dice: «li comprendo, ma chiedo pazienza». Per quanto riguarda il parco urbano, che sembrava non partisse mai, «i lavori sono tangibili e - spiega il sindaco - a breve si concluderà la piantumazione di circa 3000 piante, 130 mila euro investiti bene che vedranno a carico dell'azienda che ha vinto l'appalto anche la manutenzione dell'area per i prossimi 5 anni».
Il polmone
Un polmone verde che sarà il cuore di una politica ambientale che mira a contrastare l'inquinamento da smog del traffico veicolare dopo l'arrivo della terza corsia sull'A14, ma anche un nuovo luogo di incontro per la più popolosa frazione osimana. Il sindaco infatti rivela che si stanno valutando «un camminamento lungo l'area destinata a bosco, il posizionamento di alcune panchine e l'individuazione di una area sgambatoio per cani».
Giacomo Quattrini
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore