scarica l'app
MENU
Chiudi
23/05/2020

Primo passo per la nuova scuola media Sotto la lente l’unica offerta presentata

Corriere Adriatico

Monte Urano, sarà valutata da tre tecnici. Prossimi step, l'elaborazione del progetto e la gara d'appalto
L'OPERA
MONTE URANO Passo in avanti per la nuova scuola media: la procedura è arrivata al primo bivio decisivo. È stata composta la commissione che sta lavorando per valutare l'offerta presentata dall'unica azienda sulle cinque estratte a sorte che avevano presentato la propria candidatura. La commissione è formata da tre tecnici di enti locali proposti dall'amministrazione comunale e avallati dall'Enac. Dopo mesi di stand by quindi l'iter procedurale ha compiuto un passo in avanti. Il prossimo scatto sarà decisivo. Se la commissione valuterà l'offerta rispondente al bando di gara, il percorso per la realizzazione della nuova scuola andrà avanti. Si procederà con l'elaborazione del progetto e poi con la gara d'appalto per i lavori. Se invece arriverà una valutazione negativa, l'amministrazione comunale dovrà ricominciare tutto da capo, con un'enorme perdita di tempo. Un concetto che la commissione conosce perfettamente ma che dovrà ignorare per attenersi ad una valutazione scrupolosamente tecnica della proposta. Valutare un'offerta senza poterla paragonare ad un'altra non è facile. Nei prossimi giorni sapremo se l'amministrazione potrà pensare allo step successivo o tornare indietro.
L'obiettivo
La finalità dichiarata della sindaca Moira Canigola è quella di pubblicare, entro la fine di questo 2020, il bando per la gara d'appalto dei lavori. Obiettivo che potrà essere raggiungibile solo con un parere favorevole rilasciato dalla commissione. Ricordiamo che per la nuova scuola media il Comune ha a disposizione un finanziamento di 4,7 milioni di euro che arriverà da risorse extra comunali. La realizzazione della nuova scuola media rappresenta la parte più consistente del piano opere pubbliche che è stato ripubblicato. Come ci aveva anticipato la stessa Canigola, le opere più importanti e considerate strategiche sono: il rifacimento della recinzione esterna del campo sportivo comunale e la riqualificazione dell'area circostante (400mila euro), l'adeguamento sismico cineteatro Arlecchino (980mila euro), il miglioramento sismico dell'edificio scolastico di piazza Leopardi (250mila euro), e il primo stralcio delle opere di urbanizzazione del progetto Norma 27 (770mila euro). A queste va aggiunta la realizzazione di nuovi loculi cimiteriali (320mila euro) la cui procedura è stata prorogata a causa della pandemia Covid-19 che ha impedito la prenotazione dei locali alla cittadinanza. Resta escluso e in attesa di una riprogrammazione il primo intervento per i marciapiedi di via Borgo Nuovo (300mila euro).
Massimiliano Viti
© RIPRODUZIONE RISERVATA