scarica l'app
MENU
Chiudi
21/04/2020

Pressing di Ferri sul Ministro: «Risposte evasive sulla ricostruzione»

QN - La Nazione

ALBIANO MAGRA La vicenda del ponte di Albiano è finita in Parlamento. Il sottosegretario del Ministero delle Infrastrutture ha risposto alla Camera all'interpellanza urgente con cui alcuni parlamentari, fra cui Cosimo Ferri di Italia Viva (nella foto), chiedevano notizie sul crollo del ponte di Albiano. «Una risposta generica che non ha fornito i dati concreti sui punti importanti che avevamo sottoposto al Ministro - sottolinea Ferri - quindi le cause del crollo, l'esito dei sopralluoghi fatti da Anas a seguito delle sollecitazioni scritte del sindaco di Aulla, l'esito del monitoraggio effettuato dopo il tragico episodio del crollo del Ponte Morandi, i progetti da realizzare per la viabilità alternativa, i tempi e le idee per la ricostruzione del ponte. Non si è inoltre capito nella risposta cosa abbia fatto Ansfisa in tutto questo tempo: Ansfisa è un'autorita di vigilanza che ha il compito di vigilare sulla sicurezza della rete stradale e ferroviaria». Per quanto riguarda la nomina del commissario Ferri ha ribadito la necessità di un figura governativa che possa gestire la ricostruzione del ponte ma anche l'emergenza e la realizzazione di una viabilità alternativa che tenga conto di un confronto costruttivo con istituzioni e il territorio. «La figura commissariale consente di derogare alla normativa attuale prevista dal codice degli appalti e di essere più celeri nella ricostruzione del ponte, ma anche nella realizzazione delle opere legate alla viabilità. Per quanto riguarda la nomina ho sottolineato come non siano importanti i nomi ma avere una persona preparata, che conosca e rispetti il territorio, perché noi vogliamo che si possa riavere un'opera essenziale e sicura per la viabilità stradale. Occorre fare presto e bene ed informare i cittadini che si sentono isolati».