scarica l'app
MENU
Chiudi
20/06/2020

Potature, appalti bloccati: semafori coperti dalle foglie

Il Messaggero - Camilla Mozzetti

IL CASO
Il bando è fermo da 3 mesi e le fronde incolte nascondono la segnaletica: rischio incidenti La Nomentana tra le vie più pericolose Invisibili ormai i parapetti sui Lungotevere GARA DA 60 MILIONI BLOCCATA PER CAMBIO DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE: INSEDIATO A MARZO, HA LASCIATO PER IL TROPPO LAVORO
C'è un motivo che spiega come mai a Roma le fronde degli alberi sono arrivate a coprire semafori e cartelli stradali, offuscando la visuale e minacciando la sicurezza delle strade, soprattutto per quegli automobilisti o centauri che le percorrono senza conoscerle. Senza sapere dov'è uno stop (perché non si vede) senza riuscire a leggere il colore rosso/verde degli impianti e capire se può passare o restare fermo. E il motivo è squisitamente burocratico: riguarda lo stallo del maxi appalto "triennale per il servizio di manutenzione del verde verticale con selezione di un unico operatore economico". La procedura è ancora in corso nonostante sia stata bandita lo scorso anno. E quanto vale? Quasi 60 milioni di euro. LA PROCEDURA L'amministrazione di Roma Capitale aveva bandito la gara lo scorso anno fissando il tempo ultimo per la presentazione delle domande al 18 dicembre 2019. Le candidature sono arrivate - ben 22 - ma da allora fino a che si riuscisse a comporre la commissione giudicatrice per la verifica delle offerte, sono passati tre mesi. Per rinvenire i membri della commissione tra il personale di Roma Capitale, l'amministrazione ha impiegato 90 giorni, arrivando al 12 marzo. E sembrava che "l'epopea" fosse finita. Ma neanche per sogno. Perché il presidente indicato, lo scorso 7 maggio, ha fatto sapere che «A causa della mole di impegni in capo allo stesso non garantisce la speditezza dello svolgimento della gara». È tutto scritto nero su bianco nella determina licenziata dal dipartimento Tutela ambientale ` ` dello scorso 9 giugno con la quale l'amministrazione dà notizia di aver trovato il sostituto. E finalmente i lavori dovrebbero partire. Di fatto però sono passati sei mesi dalla chiusura delle offerte alla presa in mano da parte dei tecnici delle domande pervenute e ci vorrà ancora molto prima che l'appalto - che prevede la cura degli alberi potature comprese - possa concludersi. LE ZONE Intanto? Nel mentre, dal dipartimento fanno sapere che si procede per urgenza. Il che vuol dire che se proprio un albero o parte di esso stanno venendo giù allora si interviene. Per il resto la situazione è sotto l'occhio di tutti. Sulla Nomentana le fronde dei platani arrivano a coprire le carreggiate laterali, sui lungotevere i parapetti non si scorgono neanche più. Semafori e cartelli coperti dalle foglie tanto a via Catania quanto a piazzale delle Provincie e viale del Policlinico.

CARTELLI "FANTASMA" PER VEICOLI E PEDONI

In macchina si fatica a leggere i cartelli avvolti dagli alberi. Per i pedoni è difficile camminare sui marciapiedi invasi dalle piante

LE VIE PIENE DI RAMI SELVAGGI

Difficile vedere i segnali dei semafori coperti da rami e foglie (foto GIANNETTI/TOIATI)