scarica l'app
MENU
Chiudi
05/07/2019

Portale per gli obblighi della p.a.

ItaliaOggi - ANDREA MASCOLINI

Attiva dal 1° luglio la piattaforma online del Servizio contratti pubblici (Scp) del Mit
Informativa semplifi cata per le stazioni appaltanti
Èattivo, da lunedì 1° luglio, il portale unico online del ministero delle infrastrutture e trasporti con tutti i contratti pubblici di lavori, forniture e servizi; servirà a semplificare gli obblighi informativi delle stazioni appaltanti, a rendere più agevole l'accesso ai bandi di gara e la programmazione, ma anche ad analizzare con maggiore efficacia gli effetti delle politiche infrastrutturali. Si tratta della piattaforma informatica del Servizio contratti pubblici (Scp) del Mit che ha visto coinvolti il dicastero di Porta Pia e gli osservatori regionali dei contratti pubblici, mediante la realizzazione della cooperazione applicativa tra la piattaforma nazionale e i sistemi informatizzati regionali. A loro volta le regioni e le province autonome hanno adattato i propri sistemi informativi alle specifi che tecniche condivise e indicate dal ministero delle infrastrutture realizzando quindi una piattaforma unica della trasparenza e pubblicità delle procedure di gara e della programmazione. Il sistema permetterà di semplifi care l'attività delle stazioni appaltanti con riferimento agli obblighi informativi previsti dal codice dei contratti pubblici, ma anche di migliorare l'accesso ai dati relativi ai bandi, avvisi ed esiti di gara, nonché alla programmazione di lavori, beni e servizi delle amministrazioni, assicurandone la massima trasparenza. Inoltre, attraverso la piattaforma verranno resi più effi caci gli strumenti di analisi e di valutazione delle politiche pubbliche sugli investimenti. A decorrere dallo scorso 1° luglio, le pubbliche amministrazioni e i soggetti tenuti agli obblighi di pubblicità di cui al comma 2 dell'articolo 29 ed al comma 7 dell'articolo 21 del codice dei contratti pubblici li assolveranno utilizzando le nuove modalità rese disponibili dal Sistema a rete Mit (Scp)-regioni e province autonome. L'articolo 29, comma 2 impone infatti la pubblicazione di tutti gli atti relativi alla programmazione e alle procedure di affi damento (compresi quelli sulle composizioni delle commissioni giudicatrici e i curriculum dei commissari), nonché degli esiti di contratti pubblici di lavori, servizi e forniture. Il comma 7 dell'articolo 21 attiene invece alla fase di programmazione e in particolare al programma biennale degli acquisiti di beni e servizi e al programma triennale dei lavori pubblici con i conseguenti aggiornamenti annuali, in attuazione del decreto del ministro delle infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il ministro dell'economia e delle fi nanze, 16 gennaio 2018, n. 14. Anche questa documentazione fi nirà sulla piattaforma Scp del Mit. Dal 1° luglio, quindi, le stazioni appaltanti statali e di livello centrale e le stazioni appaltanti di ambito locale con sede nelle regioniprovince autonome che non hanno ancora attivato un proprio sistema informativo sono quindi tenuti ad adempiere agli obblighi informativi, accedendo all'indirizzo https:// www.serviziocontrattipubblici.it . Le stazioni appaltanti di ambito locale con sede nelle regioni e province autonome che hanno attivato un proprio sistema informativo dovranno pubblicare su questi sistemi, i bandi, gli avvisi e gli esiti di gara, i programmi di lavori, beni e servizi, secondo le indicazioni fornite dagli osservatori regionali o da strutture equivalenti. In caso di utilizzo della piattaforma Scp quest'ultima reindirizzerà le stazioni appaltanti direttamente sui sistemi informativi regionali attivi. Infine, il Servizio contratti pubblici continuerà a garantire il servizio di supporto tecnico giuridico a tutte le stazioni appaltanti di ambito nazionale e territoriale sulla corretta applicazione della disciplina dei contratti pubblici, per assicurare uniformità di indirizzi ed evitare molteplicità di soluzioni operative. © Riproduzione riservata

Speciale appalti

Tutti i venerdì una pagina nell'inserto Enti Locali E una sezione dedicata su www.italiaoggi.it/specialeappalti