scarica l'app
MENU
Chiudi
05/08/2020

Pontebbana, pronto il piano rotonde

Il Gazzettino

Il costo dei manufatti si è ridotto e i risparmi saranno utilizzati per altre opere. I lavori sono stati affidati all'Avianese asfalti srl
PORCIA
Pronto il progetto per le due rotatorie sulla statale 13, alle intersezioni con le vie Sant'Antonio e Roveredo, nella versione modificata che dovrebbe agevolare il passaggio dei mezzi pesanti. La Giunta di Marco Sartini ha infatti approvato la variante elaborata dopo che, successivamente all'approvazione del progetto esecutivo, nello scorso mese di aprile era stato richiesto un parere a Fvg Strade, e in particolare all'Unità operativa trasporti eccezionali, che ha proposto alcune modifiche progettuali finalizzate a rendere idonea l'intersezione stradale anche a trasporti eccezionali di 30-35 metri per 5-6.
LA VARIANTE
La variante prevede in parte l'impiego delle risorse individuate all'interno del quadro economico dell'intervento e apporta miglioramenti nella qualità dell'opera, senza alterare l'impostazione del progetto esecutivo a base della gara d'appalto. In particolare, in seguito alla variante l'importo di esecuzione delle lavorazioni risulta essere inferiore rispetto a quello previsto dal progetto esecutivo, e le economie così ottenute saranno destinate ad altre lavorazioni contenute all'interno della progettazione delle opere.
LE MODIFICHE
Per quanto riguarda le modifiche al progetto, è prevista innanzitutto la realizzazione di una fascia pavimentata larga 6 metri all'interno dell'aiuola centrale della rotatoria di via Sant'Antonio, sormontabile e transitabile, che consenta l'attraversamento da parte dei mezzi speciali, e la conseguente realizzazione delle isole spartitraffico lungo la Pontebbana totalmente sormontabili. Tale varco, nel momento in cui non sarà utilizzato, resterà chiuso mediante l'utilizzo di dissuasori/transenne mobili. A questo si aggiunge l'inserimento di cordonature spartitraffico a scivolo sia per le isole spartitraffico lungo la statale 13 sia per quelle di entrambe le sole centrali delle due rotatorie in progetto; la sostituzione della pista ciclabile in asfalto colato colore grigio e non più in asfalto colato rosso; l'inserimento dei percorsi tattilo-plantari in corrispondenza degli attraversamenti pedonali; l'adeguamento delle banchine esterne in prossimità di entrambe le rotatorie in progetto, con allargamento, dove possibile, da 0,50 a un metro.
PROTOCOLLO CANTIERI
Accanto a questo, l'emergenza sanitaria per il Covid-19 ha visto l'emanazione di nuove regole per il contenimento del contagio, da applicarsi anche nei posti di lavoro e nello specifico nei cantieri. E il protocollo cantieri ha richiesto l'aggiornamento del piano di sicurezza e coordinamento dell'opera. Le somme degli interventi migliorativi-funzionali previsti comportano una diminuzione dell'importo complessivo contrattuale, che passa da 436.131 a 433.268 euro, di cui 19.490 relativi a costi della sicurezza, comprensivi di quelli aggiuntivi per l'emergenza epidemiologica Covid-19. L'importo complessivo (comprensivo delle somme a disposizione della stazione appaltante) ammonta a 640mila euro. L'opera è finanziata per 226.170 euro con un contributo regionale, per 200mila euro con fondi privati, per 175.562 euro con contributo investimenti Uti, per 18.266 con contributi pluriennali e per 20mila euro con avanzo L.10/1977. Nessuna modifica, invece, per quanto riguarda i tempi: le tempistiche contrattuali previste nel progetto originario, pari a 210 giorni - si spiega infatti nella relazione - risultano non variare, in quanto i lavori non sono ancora iniziati e inoltre le lavorazioni previste nella perizia risultano essere tali da non apportare modifiche rispetto al tempo contrattuale previsto dal progetto esecutivo. I lavori sono stati aggiudicati definitivamente all'impresa Avianese Asfalti srl di Aviano.
Lara Zani
© RIPRODUZIONE RISERVATA