MENU
Chiudi
27/09/2018

Ponte sul Volturno, chiusura e sequestro «Armature assenti»

Corriere del Mezzogiorno

Capua
Era stato già chiuso al traffico veicolare il 7 settembre scorso con un'ordinanza sindacale perché ritenuto pericolante. Ieri i carabinieri della locale Compagnia, su decreto del gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere che ha accolto la richiesta della locale Procura, hanno posto sotto sequestro il cosiddetto «Ponte nuovo sul Volturno» di Capua. A determinare la decisione è stato l'esito di una perizia dei consulenti dello stesso ufficio dei pm: la storica infrastruttura evidenzia un diffuso e consistente grado di ossidazione delle armature presenti sia nelle travi longitudinali che in quelle trasversali costituenti il graticcio. Di più: in molti casi le armature manifestano un grado di ossidazione talmente elevato da risultare oramai assenti. In una parola, la prosecuzione del passaggio degli automezzi avrebbe potuto causare un disastro simile a quello del ponte Morandi di Genova. L'iniziativa dei magistrati inquirenti prefigura anche responsabilità dell'amministrazione comunale per la mancata esecuzione di lavori di consolidamento con un bando che avrebbe dovuto concludersi il 30 marzo scorso ma le cui procedure sono tuttora sospese. Le indagini NAPOLI della Procura hanno consentito di accertare la sussistenza, a livello indiziario, del delitto di omissione dei lavori in edifici e costruzioni che minacciano rovina, da cui derivi un pericolo concreto per l'incolumità delle persone (art. 677 comma 3 C.P.). L'opera che attraversa il fiume Volturno è un ponte realizzato in calcestruzzo armato, con struttura ad arco. Fu edificata intorno alla metà degli anni '50 e copre una distanza dell'alveo del corso d'acqua di 103 metri. Già nell'anno 2008, a seguito di un sopralluogo effettuato dall'Ufficio Tecnico del Comune di Capua, fu riscontrato un grave deterioramento strutturale della spalla del ponte lato Sud, tale da richiedere un tempestivo accertamento delle condizioni statiche dell'infrastruttura. La verifica statica e sismica eseguita dai perito della Procura ha oggi posto in luce che lo stato di degrado della struttura è particolarmente grave ed allarmante. La vicenda ha anche portato alla luce come la mancata attuazione del bando ha anche comportato la perdita dei finanziamenti per il recupero statico concessi dalla Regione. Piero Rossano © RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: Degrado strutturale Il ponte sequestrato a Capua

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore